Riattivare i sogni. Eva Kot’átková a Milano

Pirelli HangarBicocca, Milano ‒ fino al 22 luglio 2018. Eva Kot’átková si confronta con gli spazi di HangarBicocca per la sua mostra più ampia in un’istituzione italiana. Attraverso un’indagine sui meccanismi del corpo e della mente.

Eva Kot'átková, The Dream Machine is Asleep, exhibition view at Pirelli HangarBicocca, Milano 2018, photo Agostino Osio
Eva Kot'átková, The Dream Machine is Asleep, exhibition view at Pirelli HangarBicocca, Milano 2018, photo Agostino Osio

Se pensiamo all’universo come a un grande organismo vivente, Eva Kot’átková (Praga, 1982) invita a conoscerlo dall’interno. Vi si accede attraversando un esofago di tessuto blu, le cui anse conducono senza preavviso al centro dell’opera Stomach of the World (2017). Qui un’installazione video introduce alla poetica di Kot’átková: il mondo dell’infanzia come risorsa immaginifica messa a rischio dall’ipnotica burocrazia del mondo adulto, rappresentata dalla voce fuori campo che induce i bambini a eseguire una sequenza ripetitiva di azioni senza senso apparente.
Riemergendo dall’oscurità dell’apparato digerente, il sottile nonsense del video è acuito dallo spaesamento procurato dalla distesa di installazioni che invade lo Shed di HangarBicocca. Non è chiara la direzione da prendere.
L’indagine di Kot’átková si estende ai meccanismi della mente nelle Heads, una serie di teste scultoree in ferro di grandi dimensioni, le cui forme richiamano i manichini metafisici. Ciascuna è la manifestazione visiva di un disordine psicologico, dalla schizofrenia alla tendenza allucinatoria. Quando abitate dai performer, le teste diventano delle gabbie: costrizioni che condizionano il comportamento umano.

Eva Kot'átková, The Dream Machine is Asleep, exhibition view at Pirelli HangarBicocca, Milano 2018
Eva Kot’átková, The Dream Machine is Asleep, exhibition view at Pirelli HangarBicocca, Milano 2018

LA NARRAZIONE

I tre Diaries (2018) esplicitano un altro filo conduttore della mostra: quello della narrazione, intesa come trasmissione orale, come ispirazione letteraria e come disegno infantile. Curiosando fra le pagine di questi libri ‒ che superano l’altezza di un uomo ‒ si scopre l’ammirazione di Kot’átková per la frammentazione delle immagini e l’assemblage surrealista.
Il momento performativo diventa partecipato nell’opera Asking the Hair about Scissors (2018), dove la prassi consueta di una seduta dal parrucchiere è ancora una volta metafora di frammentazione, di rinuncia a una parte del proprio corpo, ceduta in cambio dell’improbabile soliloquio di un bizzarro coiffeur.

Eva Kot'átková, The Dream Machine is Asleep, exhibition view at Pirelli HangarBicocca, Milano 2018, photo Agostino Osio
Eva Kot’átková, The Dream Machine is Asleep, exhibition view at Pirelli HangarBicocca, Milano 2018, photo Agostino Osio

SOGNI E INFANZIA

Ma è nel momento ancor più abituale e quotidiano del sonno che emerge il senso dell’esposizione, nell’omonima opera The Dream Machine is Asleep (2018), realizzata appositamente per HangarBicocca. Il piano terra è riservato ai bambini, invitati a disegnare e raccontare in un microfono ipotetici sogni da condividere con il mondo degli adulti, ormai disabituati all’esercizio dell’immaginazione. Un gigantesco letto a soppalco invita i visitatori a salire, sdraiarsi e ascoltare le voci registrate dai più piccoli. Il corpo smette di muoversi nella sua dimensione fisica e inizia a vagare nello spazio onirico, senza fatica, dimenticando le regole e la routine. La macchina dei sogni si è addormentata, ma possiamo riattivarla con gli occhi dell’infanzia.

Silvia Somaschini

Evento correlato
Nome eventoEva Kot'átková - The Dream Machine is Asleep
Vernissage14/02/2018
Duratadal 14/02/2018 al 22/07/2018
AutoreEva Kot'átková
CuratoreRoberta Tenconi
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoHANGAR BICOCCA
IndirizzoVia Chiese 2 - Milano - Lombardia
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Silvia Somaschini
Laureata in Storia e Critica dell’Arte all’Università degli Studi di Milano con una tesi sull’architettura nell’opera di Giorgio de Chirico, da anni coniuga la sua passione per il Novecento all’interesse per l’arte contemporanea, collaborando con diversi collezionisti come curatrice e archivista. Si occupa anche dell’ideazione, organizzazione e comunicazione di eventi e proposte culturali, oltre che di visite guidate e didattica museale, frutto dei suoi precedenti studi pedagogici. Ha il vizio di farsi coinvolgere dagli artisti come performer. Vive e lavora fra Milano e la Brianza.

LEAVE A REPLY