Voci di carne. Regina José Galindo a Milano

Prometeogallery, Milano – fino al 31 marzo 2018. La galleria di Ida Pisani torna a esplorare l’opera di una delle artiste di punta dell’ultima Documenta. Una selezione delle sue opere più famose è stata accompagnata, durante l’inaugurazione, da una nuova performance dedicata agli inascoltati.

Quanto a lungo si può essere maltrattati? Quanto è umanamente possibile essere ignorati? Regina José Galindo (Città del Guatemala, 1974) spinge il proprio corpo oltre il limite della sopportazione, si fa portavoce dei dimenticati e degli oppressi. La galleria di Ida Pisani omaggia il suo lavoro con una ricca personale, in cui compaiono anche El Objectivo e La Sombra, opere realizzate in occasione della Documenta 14.
Una raccolta di immagini, oggetti e audio domina il pubblico della galleria nelle ore dell’inaugurazione, tanto che è quasi difficile riconoscere SOS, la nuova performance realizzata dalla Galindo per questo evento. L’artista sceglie di nascondere il proprio corpo invece di mostrarlo, di trasformarlo in uno strumento invisibile per lanciare una richiesta d’aiuto. I suoi colpi sulla parete si trasformano in un codice così ritmato e incessante da sembrare un battito cardiaco.
Con la durata limitata al solo vernissage e la dispersione della stanza, il grido muto di SOS rischia di sfuggire a chi non presta attenzione. Un peccato? Forse. Ma il monito del suo messaggio si fa così ancora più severo.

Valentina Avanzini

Questo testo è stato realizzato durante il corso di Critical Writing del Biennio di Arti Visive e Studi Curatoriali NABA – Nuova Accademia di Belle Arti.

Evento correlato
Nome eventoRegina José Galindo / Mario Santizo
Vernissage23/01/2018 ore 19
Duratadal 23/01/2018 al 31/03/2018
AutoriRegina José Galindo, Mario Santizo
Generiarte contemporanea, doppia personale
Spazio espositivoPROMETEO GALLERY
IndirizzoVia G. Ventura 6, 20134 - Milano - Lombardia
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Avanzini
Valentina nasce a Parma nel 1995. Dopo la maturità classica si trasferisce a Pavia per studiare Lettere Moderne, laureandosi nel 2014 con una tesi su rito e performance nell’opera di Hermann Nitsch. Ora frequenta il master in Arti Visive e Studi Curatoriali alla NABA di Milano, dedicandosi nel frattempo a progetti personali e collettivi che spaziano dalla letteratura all’arte passando per cinema e teatro.