Manierismo high-tech. Gianni Piacentino a Roma

Galleria Mucciaccia, Roma ‒ fino al 18 gennaio 2018. Trenta opere ripercorrono la ricerca dell’artista dal 1966 ai giorni nostri. Un’indagine in cui colore e forma si esaltano annullandosi a vicenda, privati di ogni riferimento all’originario mondo naturale.

Gianni Piacentino. Works 1966-2017. Exhibition view at Galleria Mucciaccia, Roma 2017
Gianni Piacentino. Works 1966-2017. Exhibition view at Galleria Mucciaccia, Roma 2017

Sembra di sfogliare il catalogo di un’azienda di design con prototipi, tavoli, infissi, specchiere e altre strutture simili, ma ci si rende conto ben presto che gli oggetti rappresentati sono privi di caratteri di funzionalità.
Si tratta della monografia della retrospettiva dedicata a Gianni Piacentino (Coazze, 1945), dove si osservano. “Biciclette non utilizzabili su due o tre ruote, bizzarri oggetti allungati e leggiadre costruzioni fatte più per essere guardate che per essere usate“, come sottolinea Gunter Pfeiffer nel testo presente in catalogo.
Più di trecento pagine per restituire la ricchezza e l’ampiezza di una ricerca, nata già a partire dagli Anni Sessanta, attraverso opere, disegni, progetti, fotografie biografiche e di repertorio, allestimenti storici, cataloghi, inviti e documenti di varia natura, rilegati con una copertina ideata appositamente dall’artista.

Gianni Piacentino, Metallic MA FF (Model '65), 2017
Gianni Piacentino, Metallic MA FF (Model ’65), 2017

AUTO-MANIERISMO

Novità assoluta della mostra presso la Galleria Mucciaccia sono gli ultimi lavori metallici di Piacentino che rimandano ai modelli realizzati tra il 1965 e il 1980. Un “auto-manierismo”, come lo definisce l’artista, dove i colori appaiono rinnovati. In un’intervista di Tommaso Trini del 1968, riportata all’interno del catalogo, l’artista racconta che la sua cartella di colori comprendeva già allora più di 300 tinte e che studiava continuamente tutte le gradazioni e timbri di ogni tono.
Si evincono da questo la sua netta precisione e il costante rigore progettuale che, unendosi alle coordinate riconoscibili della sua opera, fatta di geometrie e oggetti cromatici dalle forme essenziali, rivela un percorso creativo unico, estraneo a una qualsiasi classificazione e lontano da altre correnti artistiche che apparentemente mostrerebbero caratteri simili, come la Minimal Art o per certi versi l’Arte Povera.

Gianni Piacentino, Nickel Frame vehicle with aluminum triangle tank and wheels_model 71, I, 2013-14
Gianni Piacentino, Nickel Frame vehicle with aluminum triangle tank and wheels_model 71, I, 2013-14

OGGETTI PARAREALI

Le trenta opere esposte, combinate in posizioni rigorosamente stabilite, si mostrano come luoghi oggettuali, portali, finestre, veicoli o ali e altre immagini evocative. Molti sono i simboli che, seppur statici, alludono alla velocità e all’accelerazione dal momento che la sua ricerca parte proprio dalla passione personale per la moto, gli aerei e la velocità. Corpi plastici definiti dall’artista “oggetti concreti parareali”, che non vogliono somigliare a quelli reali. Ogni familiarità o quotidianità dell’oggetto viene infatti annullata da una rielaborazione che gli consente di reinventarne la forma. “Realtà aumentata degli oggetti del mondo“, così li definisce la curatrice Francesca Pola nel suo testo in catalogo.

Donatella Giordano

Evento correlato
Nome eventoGianni Piacentino - Works 1966-2017
Vernissage23/11/2017 ore 18,30
Duratadal 23/11/2017 al 15/01/2018
AutoreGianni Piacentino
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoGALLERIA MUCCIACCIA
IndirizzoLargo della Fontanella di Borghese 89, 00186 - Roma - Lazio
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Donatella Giordano
Nata in Sicilia, vive a Roma dal 2001. Ha studiato presso l’Accademia di Belle Arti di Roma, dove nel 2006 ha conseguito il diploma di laurea con una tesi che approfondiva la nascita dei primi happening e delle azioni performative viennesi degli anni Sessanta, fino alle controverse ricerche della Body Art degli anni Novanta. Un lavoro che ha poi portato avanti con integrazioni o interviste pubblicate, come quelle rilasciate da Stelarc, Orlan e Franko B. Dopo aver conseguito l'abilitazione, dal 2008 insegna Storia dell'Arte e Disegno in una scuola pubblica. Nell'ambito del progetto 100% Periferia ha curato mostre al Palazzo delle Esposizioni di Roma, Scuderie Aldobrandini di Frascati, Farm Cultural Park di Favara, Metropoliz di Roma. Nel 2012 ha curato la prima edizione del Digital Live della Fondazione Romaeuropa, inaugurando la sezione "Talks". Nel 2013 è stata Assistant Curator per il progetto "Joan of Art: Towards a Free Education" presso il Macro di Roma e la Gervasuti Foundation di Venezia. Ha pubblicato il catalogo “Quadratonomade, opere d’arte in scatola per un museo itinerante” edito da Gangemi. Nel 2020 ha co-curato una mostra al Museo Carlo Bilotti di Roma. Scrive per Artribune dal 2014, dove dal mese di aprile 2020 ha inaugurato la sezione Podcast con la rubrica "Monologhi al Telefono".