Fotografia e informazione. Satoshi Fujiwara a Milano

Fondazione Prada Osservatorio, Milano ‒ fino al 16 ottobre 2017. Il fotografo nipponico mette in scena negli ambienti milanese una profonda riflessione sullo statuto dell’immagine e sul suo legame con l’informazione.

La mostra del trentatreenne giapponese, Satoshi Fujiwara, allestita presso l’Osservatorio della Fondazione Prada, è una riflessione sull’attuale identità fotografica europea. Già l’allestimento della mostra, di Armature globale, è decisamente diverso da quanto si è abituati a vedere. Ci troviamo qui di fronte a grandi stampe che paiono cadere su se stesse e che sono sostenute da barre di ferro e pezzi di scotch argentato, mentre su di esse compaiono pezzi di velcro.
La mostra antologica dell’artista nipponico, intitolata EU e curata da Luigi Alberto Cippini, è una sorta di dichiarazione contro il regime estetico al quale il più delle volte le immagini sono sottoposte. La sua scelta delle inquadrature è totalmente diversa dal solito, come anche la scelta focale, cosicché chi guarda si sente in un certo modo spiazzato. Fujiara crea un nuovo lessico, che ci impone garbatamente di studiare per entrare nel vivo del dibattito.
La prima parte della mostra testimonia l’intervento spaziale e architettonico, durante lo svolgimento del prototipo di scuola sperimentale di cinema Belligerant Eyes, svoltosi alla sede veneziana della Fondazione Prada. Il riferimento è alla metodologia del fotografo di ritratti di donne in infrarossi Ikko Kagari, anch’egli giapponese. La seconda parte dell’antologica presenta alcune immagini scattate in diverse capitali europee. L’attenzione è di nuovo sul senso del fotoreportage e sul rapporto tra scatto e informazione.

Angela Madesani

Evento correlato
Nome eventoSatoshi Fujiwara - EU
Vernissage07/06/2017
Duratadal 07/06/2017 al 16/10/2017
AutoreSimon Fujiwara
CuratoreLuigi Alberto Cippini
Generifotografia, personale
Spazio espositivoFONDAZIONE PRADA OSSERVATORIO
IndirizzoPiazza del Duomo, 20123 Galleria Vittorio Emanuele II - Milano - Lombardia
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Angela Madesani
Storica dell’arte e curatrice indipendente, è autrice, fra le altre cose, del volume “Le icone fluttuanti. Storia del cinema d’artista e della videoarte in Italia”, di “Storia della fotografia” per i tipi di Bruno Mondadori e di “Le intelligenze dell’arte” (Nomos edizioni). Ha curato numerose mostre presso istituzioni pubbliche e private italiane e straniere. È autrice di numerosi volumi di prestigiosi autori fra i quali: Gabriele Basilico, Giuseppe Cavalli, Franco Vaccari, Vincenzo Castella, Francesco Jodice, Elisabeth Scherffig, Anne e Patrick Poirier, Luigi Ghirri. Ha recentemente curato un volume sugli scritti d’arte di Giuseppe Ungaretti. Insegna all’Accademia di Brera e all’Istituto Europeo del Design di Milano.