Il dispositivo profanato. Wade Guyton a Napoli

Museo Madre, Napoli – fino all’11 settembre 2017. La mostra napoletana di Wade Guyton coglie la luce nascosta del contemporaneo, costruendo uno scenario visivo con immagini digitali ricavate da dispositivi tecnologici. Per riflettere sui limiti e le potenzialità dell’espressione digitale, quando restituita all’individuo.

Frutto di una residenza, la mostra Siamo arrivati dell’artista americano Wade Guyton (Indiana, 1972) presenta lavori sospesi tra rappresentazione e astrazione, che, su tela e altri supporti, riportano segni e motivi dell’immaginario digitale contemporaneo.
Attraverso un’operazione di montaggio, quasi cinematografico, Guyton ritaglia forme astratte ma riconoscibili dalle immagini impresse e lavorate da programmi quali Photoshop, con l’uso di stampanti a getto d’inchiostro. In un processo di attualizzazione, la sua pratica tecnologica s’inserisce nella realtà, rapportando l’immanenza dell’era digitale alla tradizione del viaggio, dal turismo al GrandTour. Siamo arrivati, il cui titolo rimanda allo slogan della catena McDonald’s, ironicamente pone in evidenza le connessioni della dimensione sociale contemporanea, che, se non soggettivizzate, privano delle libertà individuali. La ripetitività diviene allora il mezzo attraverso cui raggiungere l’ingovernabile singolarità degli eventi quotidiani.

Francesca Blandino

Evento correlato
Nome eventoWade Guyton - Siamo arrivati
Vernissage14/05/2017 ore 17
Duratadal 14/05/2017 al 11/09/2017
AutoreWade Guyton
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoMADRE - MUSEO D'ARTE CONTEMPORANEA DONNAREGINA
IndirizzoVia Settembrini 79, 80139 - Napoli - Campania
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Francesca Blandino
Francesca Blandino nasce a Benevento nel 1986. Specializzata in Storia dell’Arte Contemporanea presso l’Università Suor Orsola Benicasa di Napoli, sviluppa un forte interesse per le pratiche artistiche rivolte al sociale. Nel 2012 frequenta il Master in Curatore Museale e di Eventi Performativi presso lo IED (Istituto Europeo del Design) di Roma, per approfondire le dinamiche curatoriali legate all’arte contemporanea e definire meglio la sua ricerca, intenta a scovare e creare quei piccoli mondi possibili in cui il cambiamento del sistema attuale delle cose può essere sovvertito, in quanto “l’opera d’arte rappresenta un interstizio sociale” (N. Bourriaud), uno spazio libero aperto verso possibilità altre. Attualmente lavora presso la Fondazione Morra – Museo Hermann Nitsch di Napoli.