La poetica della linea. LeWitt e Uriarte a Firenze

Galleria Gentili, Firenze – fino all’8 settembre 2017. Attraverso due protagonisti dell’arte contemporanea, una riflessione sull’utilizzo dello spazio murale in chiave geometrica. Una mostra dall’elegante minimalismo formale, che evoca le teorie di De Stijl.

Sol LeWitt-Ignacio Uriarte. Exhibition view at Galleria Gentili, Firenze 2017. Photo Jacopo Menzani
Sol LeWitt-Ignacio Uriarte. Exhibition view at Galleria Gentili, Firenze 2017. Photo Jacopo Menzani

Da elemento cardine per realizzare edifici, il muro, una volta rifinito e intonacato, diventa parete, sottile sfumatura della lingua italiana per indicare un cambiamento estetico e un arricchimento funzionale: le Drawing Series di Sol LeWitt (Hartford, 1928 – New York, 2007) presero avvio negli Anni Sessanta, come aggiornamento dell’astrattismo geometrico di Piet Mondrian: nella visione dell’artista americano, le differenti combinazioni di linee divengono una sorta di quarta dimensione, trascendendo la parete che, da elemento architettonico, si fa “porta magica” d’alchemica memoria, aperta su un’insospettata realtà circostante.
Da parte sua, Ignacio Uriarte (Krefeld, 1972) trasferisce sulla carta questo modus operandi e, utilizzando le linee ortogonali, costruisce geometrie dal sapore architettonico, riecheggiando anche la facciata di Palazzo Diamanti a Ferrara. Una riflessione sulla superficie, in bilico fra antico e moderno.

Niccolò Lucarelli

Evento correlato
Nome eventoSol LeWitt e Ignacio Uriarte - Muro e Parete
Vernissage26/05/2017 ore 18,30 su invito
Duratadal 26/05/2017 al 08/09/2017
AutoriSol LeWitt, Ignacio Uriarte
Generiarte contemporanea, doppia personale
Spazio espositivoGALLERIA GENTILI
IndirizzoBorgo Pinti 80/R - 82/R - Firenze - Toscana
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Niccolò Lucarelli
Laureato in Studi Internazionali, è curatore, critico d’arte, di teatro e di jazz, e saggista di storia militare. Scrive su varie riviste di settore, cercando di fissare sulla pagina quella bellezza che, a ben guardare, ancora esiste nel mondo.