I giochi di parole di Alfredo Rapetti Mogol. Ad Ancona

Galleria Gino Monti, Ancona – fino al 30 aprile 2017. Le parole sono la materia prima da cui trae origine la poetica dell’artista milanese. In bilico fra perdita di significato e nuovi linguaggi.

In Le mie parole, Alfredo Rapetti Mogol (Milano, 1961) fa uso della scrittura in due modi: nel primo, il tratto calligrafico perde significato e significante assumendo carattere decorativo e rappresentativo del gesto; nel secondo, le parole, rappresentate attraverso un carattere chiaro e leggibile, vengono tagliate e assemblate in maniera tale da formare, a prima impressione, un nuovo linguaggio. L’artista è un abile paroliere e il suo scopo è proprio quello di far nascere, per mezzo della scrittura, stati d’animo. Lo fa attraverso testi di canzoni nei quali si firma con lo pseudonimo Cheope e tramite quel linguaggio, criptico o semplicemente decorativo, con cui rivela un messaggio nascosto, sorprendendo lo spettatore.

Emanuele Gurini

Evento correlato
Nome eventoAlfredo Rapetti Mogol - Le mie parole
Vernissage01/04/2017 ore 18
Duratadal 01/04/2017 al 30/04/2017
AutoreAlfredo Rapetti Mogol
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoGINOMONTI ARTE CONTEMPORANEA
IndirizzoPiazza del Plebiscito, 38 60121 - Ancona - Marche
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Emanuele Gurini
Emanuele Gurini (Loreto, 1989) è critico d’arte e curatore indipendente. Si occupa prevalentemente di arte e teoria dell’arte e del rapporto che intercorre tra le arti visive e le nuove tecnologie. Tra i suoi interessi, la poesia verbo-visiva e gli scambi tra immagine e parola nella cultura italiana del secondo Novecento.