Trame di ricordi. Alek O. a Roma

Frutta Gallery, Roma – fino al 13 maggio 2017. L’artista argentina da tempo attiva in Italia porta nella galleria capitolina un progetto site specific che intreccia ricordo e memoria.

Alek O. L’impero delle luci. Installation view at Frutta Gallery, Roma 2017
Alek O. L’impero delle luci. Installation view at Frutta Gallery, Roma 2017

A quasi tre anni dalla precedente personale nella galleria romana, Alek O. (Buenos Aires, 1981) torna a meditare sui temi ricorrenti della sua pratica artistica come il ricordo e la memoria. Il vero fil rouge dell’intero intervento è un fogliame vario e diversificato, dove vengono fusi, scomposti e ricomposti elementi profondamente cari all’artista ma che, così assemblati, si arricchiscono di un significato totalmente nuovo, inaspettato. Il risultato è un lavoro che, nel ricercare una certa uniformità estetica – spesso attraverso geometrie ripetute –, finisce per rendere irriconoscibili gli oggetti da cui trae origine il processo creativo di Alek O. Tuttavia, la trasfigurazione di questi elementi attraverso la pratica del riciclo non presuppone affatto la rimozione dei ricordi a essi associati; questi, infatti, hanno la possibilità di preservarsi assumendo forme nuove e quindi una nuova vita.

Maria Elveni

Evento correlato
Nome eventoAlek O. - L'impero delle luci
Vernissage16/03/2017 ore 19
Duratadal 16/03/2017 al 13/05/2017
Autore Alek O.
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoFRUTTA GALLERY
IndirizzoVia dei Salumi 53 - Roma - Lazio
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Maria Elveni
Nata a Napoli nel 1989, ha conseguito la Laurea Magistrale in Storia dell’arte presso l’Università degli Studi di Siena nel 2014. Ha poi frequentato un Master in Economia e Management dell’arte e dei beni culturali presso il Sole 24 Ore a Roma, città dove attualmente vive. Da circa due anni lavora come assistente esecutiva presso Operativa Arte Contemporanea, realtà dedicata a giovani artisti emergenti; parallelamente, svolge l’attività di Operatrice didattica presso i principali musei e siti archeologici della Capitale. Appassionata di fotografia, le piace scrivere soprattutto di arte contemporanea; per questo motivo segue con profondo interesse la corrente scena artistica italiana. Dal 2015 collabora con diverse riviste.