L’arte di non risiedere. Felice Levini a Roma

Zoo Zone Art Forum, Roma – fino al 15 marzo 2017. Si può essere ovunque pur rimanendo immobili. Gli “Stivali delle Sette Leghe” di Felice Levini rimandano all’essenza del desiderio e della dannazione di Faust e di Peter Schlemihl. Facendo riflettere sul sogno dell’ubiquità.

Le uniche due opere realizzate da Felice Levini (Roma, 1956) per Zoo Zone Art Forum sono il paradosso di uno sconfinamento racchiuso tra quattro mura. Lo spazio misurato della galleria si pone come l’antitesi di un viaggio in larga scala suggerito dagli “Stivali delle Sette Leghe” e da una grande mappa del mondo, uniforme e piatta, alla quale si sovrappone una scritta d’oro su una lunga asta di legno: “Le tigri vanno dappertutto ma non sono da nessuna parte”. La frase è offerta allo spettatore da due mani che si collocano alle estremità, cifra stilistica dell’artista come il ricorso al nero, al rosso e al verde che rappresentano, a suo dire, la scansione del giorno, della notte, dell’orizzonte e del sangue.
L’insieme produce una macchina celibe proiettata verso la ridefinizione di un nuovo contesto: gli stivali mostrano l’azione del muoversi pur rimanendo bloccati sul basamento, svelando così il sogno dell’ubiquità al di là di ogni limite umano e spazio-temporale.

– Donatella Giordano

Evento correlato
Nome eventoFelice Levini - Le tigri vanno dappertutto ma non sono da nessuna parte
Vernissage02/02/2017
Duratadal 02/02/2017 al 15/03/2017
AutoreFelice Levini
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoZOO ZONE ART FORUM
IndirizzoVia del Viminale 39 00184 - Roma - Lazio
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Donatella Giordano
Nata in Sicilia, vive a Roma dal 2001. Ha studiato presso l’Accademia di Belle Arti di Roma, dove nel 2006 ha conseguito il diploma di laurea con una tesi che approfondiva la nascita dei primi happening e delle azioni performative viennesi degli anni Sessanta, fino alle controverse ricerche della Body Art degli anni Novanta. Un lavoro che ha poi portato avanti con integrazioni o interviste pubblicate, come quelle rilasciate da Stelarc, Orlan e Franko B. Dopo aver conseguito l'abilitazione, dal 2008 insegna Storia dell'Arte e Disegno in una scuola pubblica. Nell'ambito del progetto 100% Periferia ha curato mostre al Palazzo delle Esposizioni di Roma, Scuderie Aldobrandini di Frascati, Farm Cultural Park di Favara, Metropoliz di Roma. Nel 2012 ha curato la prima edizione del Digital Live della Fondazione Romaeuropa, inaugurando la sezione "Talks". Nel 2013 è stata Assistant Curator per il progetto "Joan of Art: Towards a Free Education" presso il Macro di Roma e la Gervasuti Foundation di Venezia. Ha pubblicato il catalogo “Quadratonomade, opere d’arte in scatola per un museo itinerante” edito da Gangemi. Nel 2020 ha co-curato una mostra al Museo Carlo Bilotti di Roma. Scrive per Artribune dal 2014, dove dal mese di aprile 2020 ha inaugurato la sezione Podcast con la rubrica "Monologhi al Telefono".