“Biennale complementare e contrastante rispetto a Enwezor”. Intervista a Paolo Baratta

Il presidente fornisce la sua lettura dell’approccio “umanistico” sottolineato dalla curatrice francese per la sua mostra. E sul confronto rispetto all’edizione di due anni fa…

Paolo Baratta, presidente della Biennale di Venezia
Paolo Baratta, presidente della Biennale di Venezia

Un’idea che si fonda essenzialmente sulla valorizzazione dei moti dell’animo che ispirano gli artisti: e quindi in questo senso tocca un aspetto umanistico”. Introduce la conferenza di presentazione dell’edizione 2017 dell’Esposizione internazionale d’arte, della quale vi abbiamo già ampiamente riferito, il presidente della Biennale di Venezia Paolo Baratta: e proprio a lui chiediamo un primo commento dopo che la curatrice Christine Macel ha illustrato nei dettagli la mostra internazionale ai Giardini e all’Arsenale, e molti dei progetti collaterali. E gli chiediamo, un po’ provocatoriamente, se a suo parere il taglio curatoriale proposto sia complementare o contrastante rispetto all’edizione di due anni fa, curata da Okwui Enwezor. Ecco, con l’abituale humor, come ci ha risposto…

Massimo Mattioli

www.labiennale.org

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Dal 2011 al 2017 ha fatto parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.