Ecco come Palazzo Reale a Palermo sta diventando un museo di eccellenza

Tantissime novità concentrate negli ultimi quattro anni grazie al lavoro intenso della Fondazione Federico II che gestisce lo scrigno di tesori che custodisce la Cappella Palatina e molto altro. Patrizia Monterosso, direttrice della fondazione, ci racconta tutto nella videointervista

Palazzo Reale a Palermo con la nuova area pedonalizzata
Palazzo Reale a Palermo con la nuova area pedonalizzata
Cosa sta succedendo a Palazzo Reale (notissimo anche come Palazzo dei Normanni) a Palermo? Nuovi restauri, percorsi aggiuntivi per i visitatori, una apertura all’arte contemporanea, mostre finalmente prodotte in loco e non comprate a pacchetto, archeologia ben presentata, spazi all’aperto e nel verde ben manutenuti, aree pedonali laddove c’erano volgari parcheggi, uffici della politica che diventano spazi espositivi, aree chiuse e murate riaperte al pubblico, un bookshop evoluto…
Cappella Palatina - Palermo
Cappella Palatina – Palermo

TUTTE LE NOVITÀ DI PALAZZO REALE A PALERMO

Lo spazio museale patrimonio Unesco e più importante e visitato di Palermo – dalla Cappella Palatina alle Stanze di Ruggiero – ha da qualche anno intrapreso un percorso virtuoso molto simile a quello di alcuni musei che, sul Continente, hanno beneficiato della riforma sull’autonomia. “Qui quattro anni fa c’era tanta magnificenza e tanta storia mummificata” ci racconta in questa lunga videointervista Patrizia Monterosso da quattro anni direttore della Fondazione Federico II, l’ente di diritto privato che gestisce un Palazzo il quale, non va dimenticato, ospita anche le sedi legislative della Regione Sicilia e dunque l’Assemblea Regionale Siciliana, il parlamento dell’isola.

BILL VIOLA A PALAZZO REALE A PALERMO

E per verificare questa nuova attitudine di Palazzo Reale c’è ancora qualche settimana per visitare una notevole mostra di Bill Viola, un progetto che punta a raccontare il rapporto dell’artista americano con l’acqua. Naturalmente con le sue videoinstallazioni, ma collocate in un contesto allestito con una serie sbalorditiva di acquasantiere e fonti battesimali alcune risalenti a diversi secoli prima di Cristo. “Il palazzo era invisibile alla città, le dava le spalle, ora ci siamo e siamo in dialogo” aggiunge Monterosso. Tutte le altre riflessioni nel video.
– Massimiliano Tonelli
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Massimiliano Tonelli
È laureato in Scienze della Comunicazione all’Università di Siena. Dal 1999 al 2011 è stato direttore della piattaforma editoriale cartacea e web Exibart. Direttore editoriale del Gambero Rosso dal 2012 al 2021. Ha moderato e preso parte come relatore a numerosi convegni e seminari; ha tenuto docenze presso centri di formazione superiore tra i quali l’Istituto Europeo di Design, l'Università di Tor Vergata, l'Università Luiss, l’Università La Sapienza di Roma ed è professore a contratto allo IULM di Milano. Ha collaborato con numerose testate tra cui Radio24-Il Sole24 Ore, Time Out, Formiche. Suoi testi sono apparsi in diversi cataloghi d’arte contemporanea e saggi di urbanistica e territorio. È stato giurato in svariati concorsi di arte, architettura, design. Attualmente dirige i contenuti di Artribune.