I ritratti dei Tudor della National Portrait Gallery di Londra in mostra per tutto il Regno Unito

Il museo londinese, che fino al 2023 resterà chiuso al pubblico per restauro, porta in mostra per tutto il Regno Unito le proprie collezioni. Tra tutte, i mitici ritratti dei Tudor e quelli degli artisti del Bloomsbury Group

Ritratto di Elisabetta I
Ritratto di Elisabetta I

Chiusa per lavori di ampliamento e restauro fino al 2023, la National Portrait Gallery di Londra prosegue comunque con la sua missione di promozione e valorizzazione delle proprie collezioni, rendendole fruibili all’intero Regno Unito attraverso mostre organizzate in musei di tutto il Paese. In particolare il museo londinese sta collaborando con quattro gallerie per dare vita a due grandi mostre che vedranno protagoniste alcune delle opere più amate della collezione: la prima è The Tudors: Passion, Power and Politics, che inaugurerà al The Holburne Museum di Bath nel gennaio 2022, con venticinque dei più famosi ritratti dei Tudor della Gallery. The Tudors sarà seguita da una esposizione più ampliata alla Walker Art Gallery di Liverpool in programma a maggio 2022, con ben sessantotto opere, rappresentando il primo caso nella storia del Museo in cui un numero così significativo dei ritratti dei Tudor viene dato in prestito per una mostra. Il secondo progetto espositivo, dal titolo Beyond Bloomsbury: Life, Love and Legacy – dedicato al Bloomsbury Group –, inaugurerà il prossimo novembre alla Millennium Gallery in Sheffield per poi proseguire, a marzo 2022, alla York Art Gallery.

I RITRATTI DEI TUDOR E DEL BLOOMSBURY GROUP DELLA NATIONAL PORTRAIT GALLERY DI LONDRA

The Tudors: Passion, Power and Politics presenta, attraverso i loro ritratti, le vicende dei cinque monarchi Tudor, Enrico VII, Enrico VIII, Edoardo VI, Maria I ed Elisabetta I, alcune delle figure più note e riconoscibili della storia e dell’immaginario inglese. Saranno inoltre presentati i ritratti dei consiglieri e cortigiani dei Tudor, tra cui Thomas More, Thomas Cromwell, Robert Dudley, William Cecil e Francis Walsingham. La mostra Beyond Bloomsbury: Life, Love and Legacy racconta invece la storia del gruppo di artisti, creativi e scrittori nato nell’omonimo quartiere londinese ai primi del Novecento, di cui hanno fatto parte anche Virginia Woolf e Vanessa Bell.

IL FUTURO DELLA NATIONAL PORTRAIT GALLERY

Inspiring People è il titolo del progetto di restauro della National Portrait Gallery a cura di Jamie Fobert Architects e supportato dal National Lottery Heritage Fund, che comprende una reinterpretazione completa della Collezione dai Tudors a oggi, la creazione di nuovi spazi pubblici e di un ingresso più accogliente, oltre a un nuovo Learning Center all’avanguardia.

– Desirée Maida

www.npg.org.uk

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Ha scritto per testate siciliane e di settore, collaborato con gallerie d’arte e curato mostre di artisti emergenti presso lo Spazio Cannatella di Palermo. Oggi fa parte dello staff di direzione di Artribune e cura per realtà private la comunicazione di progetti artistici e culturali.