Alla Pinacoteca Agnelli di Torino fa il suo ingresso per la prima volta l’archeologia, con un percorso sul mito greco dell’eroe. Mentre negli Scavi di Pompei e presso il Museo Archeologico Nazionale di Napoli la Grecia è indagata nel suo rapporto con la città vesuviana, la Campania e il mondo romano.

Grazie al progetto espositivo Il Tempo dell’Antico, la grande collezione Intesa Sanpaolo di ceramiche attiche e magnogreche, conservata in forma permanente alle Gallerie d’Italia – Palazzo Leoni Montanari, sede museale della Banca a Vicenza, ha trovato la sua degna valorizzazione. Presentando a rotazione nuclei di vasi selezionati, su base tematica, dalla raccolta, i diversi e sempre nuovi allestimenti permettono di tracciare dei percorsi ogni volta differenti e curiosi.
Uno di questi è dedicato alle figure di eroi presenti nel mito greco ed è attualmente esposto alla Pinacoteca Agnelli di Torino, che si è aperta per la prima volta all’archeologia con la mostra Il viaggio dell’eroe. Da Atene alla Magna Grecia, dal racconto all’immagine. Attraverso una disposizione delle opere luminosa e geometrica, che ricorda il debutto della nuova sede della Fondazione Prada a Milano proprio con un evento di arte classica, il percorso espositivo si snoda in due momenti fondamentali, approfonditi in altrettanti spazi distinti: il primo dedicato agli episodi salienti che riguardano l’epopea dei più importanti eroi greci come Eracle, Teseo e l’Achille di Omero; il secondo all’emulazione del modello eroico da parte del guerriero aristocratico dell’antichità.

Pittore di Gioia del Colle, Cratere a volute apulo a figure rosse,350 340 a.C. Collezione Intesa Sanpaolo
Pittore di Gioia del Colle, Cratere a volute apulo a figure rosse,350 340 a.C. Collezione Intesa Sanpaolo

UN VIAGGIO NEL TEMPO

Il titolo della mostra, Il viaggio dell’eroe, che riunisce una trentina di opere dalla collezione di 522 ceramiche attiche e magno-greche di Intesa Sanpaolo, allude non solo alle vicende degli eroi del mito, ma anche al vero e proprio viaggio, nel corso dei secoli, delle ceramiche prodotte tra Atene, la Lucania e l’Apulia. Lo sguardo spazia dalla formazione della raccolta da parte di Giuseppe Caputi – l’arcidiacono che, intorno al 1830, iniziò a collezionare i vasi figurati venuti alla luce durante gli scavi condotti a Ruvo di Puglia – fino all’attuale collocazione a Vicenza, dopo un lavoro di restauro, studio e catalogazione.

Progetto by stARTT foto by Gabriele Lungarella
Progetto by stARTT foto by Gabriele Lungarella

POMPEI E NAPOLI

Restando in tema di Antica Grecia, è in corso presso La Palestra Grande degli Scavi di Pompei un’altra imponente rassegna dal titolo Pompei e i Greci che, attraverso seicento reperti, mette in luce tratti sconosciuti della città vesuviana, in relazione con il Mediterraneo greco. Anche questa mostra fa parte di un progetto espositivo più esteso – con l’organizzazione di Electa – che coinvolge, in questo caso, il Museo Archeologico Nazionale di Napoli. Qui, a partire da giugno, in occasione della rassegna Amori Divini, si potrà osservare una ricchissima campionatura della collezione vascolare greca e magnogreca del MANN, della quale è previsto un riallestimento nel 2018.

– Claudia Giraud

Articolo pubblicato su Grandi Mostre #4

Abbonati ad Artribune Magazine
Acquista la tua 
inserzione sul prossimo Artribune

Evento correlato
Nome eventoIl Viaggio dell'Eroe
Vernissage23/03/2017 ore 11.30 su invito
Duratadal 23/03/2017 al 03/09/2017
CuratoreFederica Giacobello
Generearcheologia
Spazio espositivoPINACOTECA GIOVANNI E MARELLA AGNELLI - LINGOTTO
IndirizzoVia Nizza 230 - Torino - Piemonte
EditoreMARSILIO
Evento correlato
Nome eventoPompei e i Greci
Vernissage11/04/2017 ore 18 su invito presso Scavi di Pompei Palestra Grande 80045 Pompei (NA)
Duratadal 11/04/2017 al 27/11/2017
CuratoriMassimo Osanna, Carlo Rescigno
Generiarcheologia, arte antica
Spazio espositivoSCAVI DI POMPEI
IndirizzoPiazza Anfiteatro - Pompei - Campania
EditoreELECTA
Evento correlato
Nome eventoAmori divini
Vernissage06/06/2017 ore 18 su invito
Duratadal 06/06/2017 al 16/10/2017
AutoriGiambattista Tiepolo, Baccio Bandinelli, Nicolas Poussin, Bartolomeo Ammannati
CuratoriAnna Anguissola, Carmela Capaldi
Generearte antica
Spazio espositivoMANN - MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE
IndirizzoPiazza Museo Nazionale 19 - Napoli - Campania
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica "Art Music" dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).