Milano: Maurizio Nobile Fine Art apre nuova sede della galleria nel Palazzo Bagatti Valsecchi

La galleria, nata a Bologna e specializzata in arte antica e moderna, apre la sua terza sede nel cuore del quadrilatero della moda, nel quartiere di Montenapoleone. Un desiderio, quello di approdare a Milano, coltivato da tempo e ora realizzato, come ci ha raccontato il titolare Maurizio Nobile.

Galleria Nobile a Milano
Galleria Nobile a Milano

Prosegue il racconto di Artribune attraverso i numerosi spazi, gallerie, e musei dedicati all’arte e inaugurati a Milano (recentemente la Galleria Canesso) negli ultimi mesi, segno di una ripartenza culturale che sta investendo con entusiasmo la città. Il prossimo appuntamento è previsto per il 7 ottobre 2021, nella nuova galleria Maurizio Nobile Fine Art, che ha scelto come sua terza sede il prestigioso Palazzo Bagatti Valsecchi, in via Santo Spirito 7, nel Quadrilatero della Moda. Fondata a Bologna nel 1987 – ha poi aperto un secondo spazio a Parigi nel 2010 – la galleria di Maurizio Nobile è diventata nel corso del tempo una delle più note a livello internazionale grazie alla qualità delle opere trattate, che comprendono dipinti, disegni e sculture dei Maestri italiani compresi per lo più nel periodo dal Quattrocento al Novecento.

Galleria Nobile a Milano
Galleria Nobile a Milano

LA NUOVA SEDE A MILANO DI MAURIZIO NOBILE FINE ART

Il nuovo spazio si apre con la mostra La Grande Bellezza. Sette secoli di arte italiana, una raccolta di capolavori che vanno dal Trecento fino al secondo Novecento. Tra questi, spiccano le opere di Giovanni Boldini, Felice Casorati,Guercino, Arnaldo Pomodoro e Giovanni Battista Salvi detto il Sassoferrato, oltre a un fondo oro del senese Niccolò di Segna, parte del polittico conservato presso la Pinacoteca Nazionale di Siena e la preziosa tela dell’Imelda de’ Lambertazzi, realizzata da Francesco Hayez, esponente di spicco a Milano del Romanticismo italiano. La mostra è allestita al piano nobile di palazzo Bagatti Valsecchi, nelle sale espositive che si affacciano su via Santo Spirito tramite ampie finestre ad arco decorate da vetrate lobate in stile rinascimentale. Una curiosità: la galleria, situata nel palazzo dove sorge la Casa Museo Bagatti Valsecchi, si trasferisce negli stessi locali che vennero abitati dalla celebre Mina tra i primi anni ‘70 fino al 1987 circa.

LA NUOVA AVVENTURA DI MAURIZIO NOBILE NELLA MILANO DELLA RINASCITA CULTURALE

“Era da tempo che desideravo aprire a Milano una galleria d’arte”, racconta Maurizio Nobile a Artribune. “Il capoluogo lombardo ha dimostrato negli ultimi anni di sapersi rinnovare in maniera straordinaria, pur rimanendo fedele alla sua storia e alle sue tradizioni. Milano è inoltre – insieme a Londra e Parigi – uno dei principali centri europei del mercato dell’arte internazionale, aperto tanto all’antico quanto al moderno. E questo si riflette anche nell’offerta culturale che la città offre a un pubblico sempre più esigente e variegato. La tragica pandemia dell’ultimo anno e mezzo ha rallentato questo mio progetto, fino a quando si è presentata l’occasione di poter usufruire di alcune stanze poste al piano nobile dello storico Palazzo Bagatti Valsecchi, di via Santo Spirito”, prosegue. “La magia del luogo e l’unicità degli spazi mi hanno spinto a compiere quel passo da tempo atteso. Insieme a Stefano Bosi, che dirigerà la sede di Milano, si è discusso molto su come strutturare la galleria senza alterare la morfologia dei quattro locali che lo compongono. Si è pertanto deciso di focalizzare l’attenzione sulla dimensione ‘intima’ ed ‘esclusiva’ che contraddistingue questi spazi, al fine di creare un ambiente altamente evocativo, capace di far risaltare al meglio le opere d’arte che – nel tempo – vi saranno esposte”.

-Giulia Ronchi

La grande bellezza. Sette secoli di arte italiana
8 ottobre – 18 dicembre 2021
Maurizio Nobile Fine Art
Palazzo Bagatti Valsecchi
Via Santo Spirito 7
20121 Milano

https://maurizionobile.com/

Eventi d'arte in corso a Milano

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giulia Ronchi
Giulia Ronchi è nata a Pesaro nel 1991. È laureata in Scienze dei Beni Culturali all’Università Cattolica di Milano e in Visual Cultures e Pratiche curatoriali presso l’Accademia di Brera. È stata tra i fondatori del gruppo curatoriale OUT44, organizzando mostre e workshop con artisti emergenti del panorama milanese. Ha curato il progetto Dissuasori Mobili, presso il festival di video arte “XXXFuoriFestival” di Pesaro. Ha collaborato con le riviste Exibart e Artslife, recensendo mostre e intervistando personalità di spicco dell’arte. Ha collaborato con le testate femminili Elle, Elle Decor, Marie Claire e il maschile Esquire scrivendo di arte, cultura, lifestyle, femminismo e storie di donne.