Agosto in città? Ecco le migliori mostre da visitare a Milano (con tutti gli orari di apertura)

Tutankhamon a Palazzo Reale, Banksy al Teatro degli Arcimboldi, Gaugin e Matisse al Museo Diocesano: a Milano i musei sono quasi tutti ripartiti con orari ridotti, ma ce n’è comunque per tutti i gusti

Con la quasi totale assenza di turismo internazionale, l’incremento del turismo di prossimità e la ristrettezza economica data dalla crisi, che in alcuni casi ha limitato lo spostamento verso le mete vacanziere, questa del 2020 si preannuncia come un’estate insolita. Da cui non resta che trarre i dovuti benefici: se siete rimasti in città anche durante la settimana di Ferragosto, abbiamo qualche dritta da darvi. Oltre ai 10 monumenti e attrazioni da visitare senza turisti, che vi abbiamo illustrato recentemente, ci sono anche alcune interessanti mostre nei musei più importanti della città, aperte anche durante le vacanze estive. E, dato che alcuni di questi hanno ripreso le attività con un orario ridotto, vi segnaliamo tutti gli orari di apertura e le variazioni che potrebbero subire. Ecco quali sono.

-Giulia Ronchi

1. TUTANKHAMON EXPERIENCE A PALAZZO REALE

Tutankhamon Real Experience Palazzo Reale

Lo spazio indefinito tra la vita e la morte, il singolare rapporto con l’aldilà che la civiltà egizia coltivò e di cui oggi sappiamo tanto grazie ai numerosi reperti archeologici giunti attraverso i millenni fino a noi. Viaggio oltre le tenebre. Tutankhamon RealExperience® è la mostra che ci racconta tutto questo grazie a un doppio percorso – museale e multimediale – attraverso il quale immergersi nel mistero della morte secondo questo antico impero. Presenti nella prima parte straordinari oggetti come il cosiddetto “Corredo Busca”, che comprende la mummia e il sarcofago, conservati nelle Collezioni civiche, e un interessantissimo papiro lungo 7 metri, databile alla XIX-XX dinastia; esposta anche la splendida statua del dio Amon, con le sembianze del giovane Tutankhamon, concessa in prestito dalla Fondazione Fritz Beherens e dal Museo August Kestner di Hannover. Per volontà del Comune di Milano, il percorso è collegato alla mostra allestita nel Civico Museo Archeologico di Milano, Sotto il cielo di Nut. Egitto divino, accessibile fino al 20 dicembre 2020.

Tutankhamon RealExperience®
Fino al 30 agosto 2020
Palazzo Reale
Orari di apertura:
Giovedì dalle 11 alle 22.30
Dal venerdì alla domenica dalle 11 alle 19.30
https://www.palazzorealemilano.it/mostre/tutankhamon-realexperiencer 

 

2. TRE PROGETTI A FONDAZIONE PRADA

Martin Kippenberger, The Happy End of Franz Kafka’s “Amerika”, 1994. Installation view at Fondazione Prada, Milano 2020. Photo Andrea Rossetti

The Porcelain Room – Chinese Export Porcelain, K e Liu Ye Storytelling è la triade di esposizioni ospitata nei vasti spazi di Fondazione Prada fino all’autunno 2020 o a gennaio 2021. La fondazione, dopo la lunga chiusura imposta dall’emergenza sanitaria, ha deciso di aprire solo durante il weekend, riducendo l’orario. Si consiglia di prendersi alcune ore (ma anche mezza giornata) per visitare con tutta calma i progetti dedicati alla lunga storia delle porcellane cinesi da esportazione (The Porcelain Room); i lavori di Martin Kippenberger, Orson Welles e i Tangerine Dream ispirati a tre romanzi di Franz Kafka (K); infine, la mostra personale dell’artista cinese Liu Ye ideata da Udo Kittelmann, che presenta 35 dipinti realizzati dal 1992 a oggi. La stessa è stata presentata per la prima volta nella sede cinese Prada Rong Zhai a Shanghai nel 2018.

The Porcelain Room
K
Liu Ye Storytelling
Fondazione Prada
Orari di apertura:
Dal venerdì alla domenica dalle 10 alle 19
http://www.fondazioneprada.org/

 

3. LA COLLEZIONE PERMANENTE AL MUDEC

Mudec

Il Museo delle Culture di Milano (MUDEC) ha deciso di rinviare a data da definirsi la ricca programmazione di mostre temporanee che aveva pianificato per il 2020, e di sfruttare questo periodo di ripresa delle attività per mettere al centro la propria collezione permanente. Una vasta raccolta di oltre 200 tra opere d’arte, oggetti e documenti che testimoniano la storia delle civiltà a partire dal XVII secolo fino ai giorni nostri. All’interno, il percorso è diviso in 7 sezioni, dallo stupore per l’esotico alla volontà di evangelizzazione e di scoperta scientifica passando per altri temi quali il viaggio e gli scambi commerciali tra i diversi popoli.

Collezione Permanente
Mudec – Museo delle Culture
Orari di apertura:
Venerdì, Sabato e Domenica dalle 11 alle 18
https://www.mudec.it/ita/collezione-permanente/

 

4. BANKSY E LA STREET ART AL TEATRO DEGLI ARCIMBOLDI

Banksy, Love Is In The Air (Flower Thrower), 2003, serigrafia su carta, 50×70 cm. Collezione privata

Banksy approda anche a Milano, al Teatro degli Arcimboldi, con la mostra Banksy & The Street Art, visitabile fino al 13 dicembre 2020. Cosa vedremo in questa raccolta? Intanto opere conosciutissime del misterioso street artist di Bristol, come Girl with Balloon, Rage – flower thrower (il “lanciatore” di mazzo di fiori) o Flying Ghetto Rat e Laugh Now. Queste ultime vedono protagonisti i topi e gli scimpanzé, tipici animali banksiani ricorrenti nei suoi lavori. In mostra anche una spettacolare carrellata di foto d’autore delle opere di Banksy nel mondo: Betlemme, Londra, Bristol e, in Italia, a Napoli e Venezia. Sono esposte anche le opere di altri importanti street artist nazionali e internazionali, come Blu, Delta 2, BenEine, 3D, Bordalo II, Kayone, Swoon, Faith 47 e Serena Maisto.

Banksy & The Street Art
fino al 13 dicembre 2020
Teatro degli Arcimboldi
Orari di apertura
da martedì a venerdì dalle 10.00 alle 19.00
sabato, domenica e festivi dalle 10.00 alle 20.00
https://www.teatroarcimboldiarte.it/bansky/#info

 

5. GAUGUIN, MATISSE E CHAGALL AL MUSEO DIOCESANO

GAUGUIN, MATISSE, CHAGALL. LA PASSIONE NELL’ARTE FRANCESE DAI MUSEI VATICANI. Museo Diocesano di Milano

Il Museo Diocesano di Milano, a differenza delle altre realtà culturali sopracitate, si concede una pausa fino al 21 agosto. Per chi sarà ancora in città per la fine del mese (o rientrerà dalle ferie, ad esempio), vale comunque la pena di segnalare la mostra Gauguin, Matisse, Chagall. La passione nell’arte francese dai Musei Vaticani, che riunisce nomi fondamentali della storia dell’arte come Paul Gauguin, Auguste Rodin, Maurice Denis, Georges Rouault, Marc Chagall e Henri Matisse, con opere provenienti dalla Collezione di Arte Contemporanea dei Musei del Papa. Ciò che accomuna questi artisti è il bisogno di affrontare il tema del sacro all’interno della propria opera, soprattutto in un momento in cui andavano incontro alla Modernità e alla secolarizzazione. La mostra – visitabile in orario serale – riesce a condensare in sé tradizione e innovazione, passato e modernità.

Gaguin, Matisse, Chagall. La passione nell’arte francese dai Musei Vaticani
Museo Diocesano
Dal 22 agosto al 14 settembre 2020
Orari di apertura:
Da lunedì a domenica, ore 18 / 22
https://chiostrisanteustorgio.it/mostra/gauguin-matisse-chagall-la-passione-nellarte-francese-dai-musei-vaticani/

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giulia Ronchi
Giulia Ronchi è nata a Pesaro nel 1991. È laureata in Scienze dei Beni Culturali all’Università Cattolica di Milano e in Visual Cultures e Pratiche curatoriali presso l’Accademia di Brera. È stata tra i fondatori del gruppo curatoriale OUT44, organizzando mostre e workshop con artisti emergenti del panorama milanese. Ha curato il progetto Dissuasori Mobili, presso il festival di video arte “XXXFuoriFestival” di Pesaro. Ha collaborato con le riviste Exibart e Artslife, recensendo mostre e intervistando personalità di spicco dell’arte. Attualmente collabora con le testate femminili Elle, Elle Decor, Marie Claire e il maschile Esquire scrivendo di arte, cultura, lifestyle, femminismo e storie di donne. Cura la rubrica “Le curatrici donne più influenti nel mondo” per Marie Claire e “Storie d’amore nella storia dell’arte” per Elle.