MART, Rovereto ‒ fino al 23 agosto 2020. Due mostre tra immagine fotografica e filmata, memoria e oblio. Gli straordinari film dello storico duo Yervant Gianikian e Angela Ricci Lucchi e gli archivi di una vita dell'”attivista” friulano Italo Zannier.

Sono due mostre molto diverse tra loro quelle proposte dal MART, ma entrambe indagano lo statuto dell’immagine tra storia e contemporaneità, memoria e oblio. Immagine filmata nel caso di Yervant Gianikian (Merano, 1942) e Angela Ricci Lucchi (Lugo, 1942 ‒ Milano, 2018), fotografica nel caso di Italo Zannier.
Si rivelano ancora una volta straordinari i lavori del duo di artisti/filmaker (la difficoltà nel definirli dipende dall’originalità assoluta). È il momento di uno sguardo retrospettivo, ora che Angela Ricci Lucchi è scomparsa e il marito porta avanti il loro lavoro. Ma l’opera in mostra, I diari di Angela, Noi due cineasti. Capitolo secondo (2019), appena acquisita dal Mart, è tutto tranne un semplice documentario. Il mix di immagini d’archivio relative al lavoro della coppia, di pagine dei diari di Angela e di testimonianze di personalità della cultura diventa un flusso di coscienza (dell’autore e di chi guarda il film) onirico e dalla valenza universale.

ARTE DI TESTIMONIANZA

Un’intera, enorme sala è dedicata a I diari di Angela, e il formato della proiezione aiuta a immergersi nel flusso delle immagini e delle parole. Lo stesso accade per Trittico del XX secolo (2002-2008), l’altro lavoro del duo proposto. E qui siamo nello stile più tipico di Gianikian e Ricci Lucchi, con una proiezione a cinque canali in cui scorrono immagini d’archivio rallentate e virate: filmati relativi ad atroci momenti storici in cui si esprimono la violenza dell’uomo e la sopraffazione di un individuo sull’altro.
La colorazione delle immagini tende a un maestoso effetto pittorico, ma non c’è un filo di estetizzazione. Il trattamento a cui vengono sottoposti i materiali preesistenti li evidenzia nella loro crudezza, rende impossibile volgere altrove lo sguardo, interrogando lo spettatore come testimone o addirittura come correo di ciò che sta guardando.

Yervant Gianikian & Angela Ricci Lucchi, I diari di Angela. Noi due cineasti. Capitolo secondo, 2019. Frame da video, MART, Rovereto
Yervant Gianikian & Angela Ricci Lucchi, I diari di Angela. Noi due cineasti. Capitolo secondo, 2019. Frame da video, MART, Rovereto

LA FOTOGRAFIA DALLA NASCITA ALLA MATURITÀ SECONDO ZANNIER

Di tutt’altro tono la mostra dedicata a Italo Zannier (Spilimbergo, 1932), “attivista” nel campo della fotografia, docente, teorico e lui stesso fotografo. Alle pareti campeggiano cento dei suoi scatti, alcuni più scolastici altri più originali, intensi e suggestivi ‒ su tutti i lavori aleggia una certa sensazione di aggraziata malinconia.
Nelle teche al centro sala sono invece disposti i tesori da lui raccolti nel corso di decenni: libri illustrati di vari generi ed epoche. Osservandoli si ripercorrono i diversi modi in cui via via l’immagine è stata riprodotta, ma anche l’evoluzione della concezione del ruolo della fotografia e il controverso rapporto tra immagine e realtà.
Dall’epoca in cui la fotografia non esisteva e l’illustrazione o l’incisione ne anticipavano la funzione si giunge a volumi risalenti all’epoca dei primordi della fotografia, fino a pubblicazioni e libri d’artista contemporanei.

Stefano Castelli

Evento correlato
Nome eventoI diari di Yervant Gianikian
Vernissage02/06/2020 no
Duratadal 02/06/2020 al 23/08/2020
AutoriYervant Gianikian , Angela Ricci Lucchi
CuratoreDenis Isaia
Generearte contemporanea
Spazio espositivoMART MUSEO D'ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA DI TRENTO E ROVERETO
IndirizzoCorso Angelo Bettini 43 - Rovereto - Trentino-Alto Adige
Evento correlato
Nome eventoLa fotografia ha 180 anni!
Vernissage02/06/2020 no
Duratadal 02/06/2020 al 23/08/2020
Generefotografia
Spazio espositivoMART MUSEO D'ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA DI TRENTO E ROVERETO
IndirizzoCorso Angelo Bettini 43 - Rovereto - Trentino-Alto Adige
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Stefano Castelli
Stefano Castelli (nato a Milano nel 1979, dove vive e lavora) è critico d'arte, curatore indipendente e giornalista. Laureato in Scienze politiche con una tesi su Andy Warhol, adotta nei confronti dell'arte un approccio antiformalista che coniuga estetica ed etica. Nel 2007 ha vinto il concorso per giovani critici indetto dal Castello di Rivoli. Pubblica regolarmente i suoi articoli dal 2007 su Arte, dal 2011 su Artribune e dal 2018 su IL-mensile de Il Sole 24 ore. Collabora anche con Antiquariato. Dal 2004 a oggi ha curato numerose mostre in spazi privati e pubblici, di artisti affermati ed emergenti. Dal 2016 è nel comitato curatoriale del Premio arti visive San Fedele. Nel 2020 ha pubblicato il saggio "Radicale e radicante – Sul pensiero di Nicolas Bourriaud" (Postmediabooks) e tradotto il saggio "Inclusioni" di Nicolas Bourriaud (Postmediabooks).