Su Sky Arte: la danza si racconta

Al via sul canale tematico satellitare una serie in cinque episodi dedicata al mondo della danza e condotta dal coreografo Akram Khan

Dance ‒ Perché balliamo - Sky Arte
Dance ‒ Perché balliamo - Sky Arte

Perché balliamo? È questo l’interrogativo da cui prende le mosse la nuova serie internazionale di documentari firmati Sky Arte, in onda a partire da lunedì 29 aprile. Curata e presentata dall’acclamato coreografo anglo-bengalese Akram Khan, la serie intende avvicinare il pubblico alle forme di danza più dinamiche dei nostri tempi, dando voce agli artisti che hanno contribuito a definirle.
Esplorando tutti e cinque i continenti, dalle strade di periferia alle piste da ballo delle metropoli, dagli spazi pubblici ai più importanti palcoscenici del mondo, Akram Khan cercherà le ragioni che danno il titolo alla serie Dance ‒ Perché balliamo, disponibile integralmente su Sky on Demand.
Il primo dei cinque episodi, intitolato Stories, vedrà il coreografo Khan viaggiare tra India e Danimarca, domandandosi cosa spinge ogni cultura in ogni epoca a raccontare il proprio vissuto attraverso la danza. In occidente la danza ha raccontato storie soprattutto attraverso il balletto classico. Christian Spuck, coreografo tedesco e direttore artistico del Balletto di Zurigo, apre le porte del suo studio per assistere alle prove della sua nuova versione de Lo Schiaccianoci.

I PROTAGONISTI

Nel 2016 Spuck invitò Alexei Ratmansky – grande interprete del balletto classico russo – a riportare in vita l’originale versione de Il Lago dei Cigni, composta nel 1895. In un’intervista esclusiva, Alexei Ratmansky chiarisce come, grazie all’intuizione di Spuck, il balletto classico russo ha avuto nuova linfa.
Le favole della tradizione classica si fondano tutte sull’espressività del corpo – raccontano atti di crudeltà e gentilezza, di fughe e di incarcerazioni. Questo lato oscuro è ciò che ha affascinato il coreografo franco-albanese Angelin Preljocaj, che ha composto la sua personale versione dark e freudiana di Biancaneve.
I colori di Delhi fanno da sfondo al nuovo lavoro di Aditi Mangaldas, coreografa Indiana del tradizionale Kathak, interessata al lato oscuro della mitologia Indiana. Il coreografo inglese Wayne McGregor, invece, rivoluziona il concetto di storytelling in Tree of Codes, spettacolo che rimette in scena a Copenaghen appositamente per il pubblico di Sky Arte.

Il sito di Sky Arte è powered by Artribune, che ne cura contenuti e interfaccia digitale. Scoprite a questo link le novità di palinsesto e le news che arricchiscono il portale del primo canale televisivo culturale italiano in HD…

http://arte.sky.it

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.

LEAVE A REPLY