La collana musicale di Yard Press

La storia di Yard Press, casa editrice romana che ha trovato nella musica il fil rouge di tutti i suoi progetti.

Matteo Nasini, Sparkling Matter (Yard Press)
Matteo Nasini, Sparkling Matter (Yard Press)

Yard Press, casa editrice di Roma che si occupa di cultura visiva e movimenti underground, fondata quattro anni fa da Giandomenico Carpentieri e Achille Filipponi, ha sempre trovato nella musica il collante per portare avanti i suoi progetti editoriali. Così, è stato naturale il processo che ha portato alla nascita di una collana dedicata a una serie di produzioni discografiche.
Non abbiamo scelto di chiamarla Yard Press Records, come non abbiamo scelto di chiamarla Yard Press Publishing perché Yard è uno spazio libero”, ci spiega il suo curatore Giandomenico Carpentieri, che di professione fa il graphic designer e l’art director, ma in passato ha anche suonato il basso e tanti strumenti elettronici in diverse band. “Un luogo aperto a innumerevoli stili artistici, dove tantissime cose diverse possono essere fatte con la stessa energia e nello stesso modo”. Il tutto senza le scadenze, le limitazioni, le esigenze tipiche di un’etichetta discografica, con le sue logiche e dinamiche legate al marketing, ma in un’ottica di scambio di idee e proposte fra artista ed editore. “Come nei libri la fotografia, o meglio l’immagine, è un pretesto per una visione a 360° sulla realtà”, continua Carpentieri, “così, anche nei dischi, la musica è un mezzo per raccontare la società contemporanea”.

The Telescopes, Stone Tape (Yard Press). Insert
The Telescopes, Stone Tape (Yard Press). Insert

LA STORIA

A inaugurare il nuovo progetto artistico, nel novembre 2017, la leggendaria formazione britannica dei Telescopes con Stone Tape: un concept album, ispirato alla Stone Tape Theory teorizzata dall’archeologo Thomas Charles Lethbridge nel 1961 sullo scambio di energia tra esseri viventi e materiali inanimati, composto di sei canzoni scritte, prodotte, arrangiate e suonate da Stephen Lawrie, fondatore di questa band agli inizi shoegaze e ora legata al noise. Poi un secondo disco a luglio 2018, Sparkling Matter di Matteo Nasini, dove l’artista e contrabbassista romano ha tradotto in suono l’attività cerebrale presente durante il sonno. Il tutto sempre accompagnato da artwork impeccabili.
L’aspetto visivo dei dischi è importantissimo perché rispecchia tutta la linea editoriale a livello grafico di Yard”, conclude Carpentieri. Che annuncia l’uscita di quattro dischi nuovi entro la prossima estate e rilancia: “Abbiamo cominciato con i libri, ora c’è la musica, chissà cosa ci sarà in futuro…”.

Claudia Giraud

www.yardpress.it

Articolo pubblicato su Artribune Magazine #45

Abbonati ad Artribune Magazine
Acquista la tua inserzione sul prossimo Artribune

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è responsabile dell'area Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica musicale "Art Music". E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).