Star, grandi autori, omaggi: la guida alla 75. edizione del Festival di Cannes

Dopo un’edizione saltata nel 2020 e una “straordinaria” nell’estate del 2021, il Festival di Cannes torna a svolgersi nel suo periodo canonico con un programma vario tra grandi autori e star. Tra gli italiani presenti ci sono Mario Martone e Marco Bellocchio

Cannes 2022
Cannes 2022

La Croisette di Cannes torna a splendere nel consueto periodo del Festival che giunge alla 75esima edizione. Un’edizione importante che ha nel visual ufficiale un omaggio a “The Truman Show”, iconico film degli anni ’90 con Jim Carrey diretto da Peter Weir, e apre con una commedia zombie, “Coupez!” (nel titolo internazionale “Final Cut”), diretta da Michel Hazanavicius, regista premio Oscar per “The Artist”. Il Festival di Cannes (17-18 maggio 2022) ha una line up molto interessante, ci sono grandi star e grandi autori, e in Concorso c’è anche un titolo italiano molto favorito per la Palma d’Oro, “Nostalgia” di Mario Martone con protagonisti Pierfrancesco Favino e Francesco Di Leva. Un festival che non rinuncia a qualche momento pop e che quindi dedica un particolare omaggio a un vero cult, “Top Gun”, alla presenza di Tom Cruise per la prima europea di “Top Gun: Maverick”, e presenta in prima assoluta il biopic di Baz Luhrmann dedicato a Elvis Presley e con nella colonna sonora un brano interpretato dai Maneskin.

Cannes 2022
Cannes 2022

CHI ARRIVA SULLA CROIESETTE?

Marion Cotillard, Miles Teller, Tom Cruise, Léa Seydoux, Viggo Mortensen, Kristen Stewart, Tilda Swinton, George Miller, David Cronenberg, James Gray, Anthony Hopkins, Anne Hathaway. Sono solo alcuni dei grandi nomi che passeranno sul tappeto rosso per la presentazione dei film che vedremo al cinema nelle prossime settimane e mesi. Nomi importanti, noti e di un certo peso cinematografico sono anche quelli che troviamo tra i componenti della giuria ufficiale presieduta dal protagonista di Titane, Palma d’Oro 2021, film che ha quasi rivoluzionato le vittorie del Festival di Cannes essendo del tutto fuori gli schemi. Si tratta di Vincent Lindon, affiancato in questo impegno da Jasmine Trinca, Rebecca Hall, Deepika Padukone, Noomi Rapace, Asghar Farhadi, Ladj Ly, Jeff Nichols e Joachim Trier. La nostra Jasmine Trinca, che a soli 18 anni debuttava qui da attrice, in questa occasione presenta anche il suo primo lungometraggio da regista, “Marcel!”, che prende spunto da un suo corto e che ha un messaggio forte e chiaro da comunicare: l’arte è creatività e perdizione ma anche fonte di guadagno e sostentamento.

ATTORI E REGISTI ITALIANI ATTESI

L’Italia alla 75esima edizione del Festival di Cannes è ben rappresentata. Gli attori Alessandro Borghi e Luca Marinelli si ritrovano in coppia, dopo il successo veneziano di “Non essere cattivo”, per il “Le otto montagne”, tratto dal romanzo di Paolo Cognetti; e presentato in concorso accanto a “Nostalgia” di Mario Martone. Non in competizione ma come evento speciale, Marco Bellocchio, dopo la Palma d’onore dello scorso anno, porta sulla croisette la sua prima serie tv, “Esterno notte”, dedicata al sequestro di Aldo Moro. Al seguito Bellocchio un cast italiano meraviglioso composta da Fabrizio Gifuni, Margherita Buy e Toni Servillo. In questa edizione del Festival di Cannes ci sono anche Valeria Bruni Tedeschi, questa volta come regista del film in concorso “Les Amandiers” e Valeria Golino come Presidente di giuria di Un Certain regard, ma anche le sorelle Rohrwacher, Alice per il Rendez-Vous e la presentazione di un corto Disney e Alba come protagonista di “Marcel!”.

I FILM CHE TUTTI ASPETTANO

I film più attesi sono senza ombra di dubbio “Elvis” di Baz Luhrmann e “Crimes of the future” di David Cronenberg. Il primo è un film biografico che promette di essere fuori dai soliti racconti facendosi affiancare da momenti ricostruiti di realtà e momenti del tutto fantasy, ma di certo un tuffo nella musica e nell’anima di un grande e dannato personaggio quale è stato Elvis Presley. Il secondo presenta una storia di un artista che usa la chirurgia come strumento di performance per i suoi spettacoli. “Per me, la psicologia è carnale”, ha raccontato Cronenberg a Deadline, “quindi non mi sembra così diversa. Fondamentalmente, sto tornando a un tipo di regia che non facevo da un po’. E la sensazione è che ci sia un nuovo pubblico per un film come Crimes of the Future, che non esisteva quando stavo girando i miei ultimi tre o quattro film. Quindi, è il mio ritorno alla carne”. E poi c’è il ritorno di George Miller che nel 2015 proprio a Cannes aveva portato uno dei suoi film più famosi, “Mad Max: Fury Road”. In questa edizione torna con “Three Thousand Years of Longing” con un’altra coppia eccezionale come Tilda Swinton e Idris Elba. La storia della studiosa Alithea Binnie che un giorno incontra un genio che si offre di esaudire i suoi tre desideri in cambio della sua libertà. Un racconto in cui i desideri, con molta probabilità, finiscono male.

-Margherita Bordino

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Margherita Bordino
Classe 1989. Calabrese trapiantata a Roma, prima per il giornalismo d’inchiesta e poi per la settima arte. Vive per scrivere e scrive per vivere, se possibile di cinema o politica. Con la valigia in mano tutto l’anno, quasi sempre in giro per il Belpaese tra festival, rassegne cinematografiche o letterarie. Laureata in Letteratura, musica e spettacolo, e Produzione culturale, giornalismo e multimedialità, è giornalista pubblicista e content creator. Coordina il video magazine di Cinecittà, collabora tra gli altri con le Rivista 8 1/2 e Mediterraneo e dintorni, ed è autrice del programma tv Luce Social Club (Sky Arte).