Il ginocchio di Ahed (Ahed’s Knee): presentato il lungometraggio di Nadav Lapid a Cannes

La libertà, la censura e la ribellione sono i temi principali di questo “film nel film” che scoperchia le contraddizioni della società e della politica nell’Israele odierno. Un’opera intensa che si è aggiudicata il Premio della Giuria a Cannes 74.

Il ginocchio di Ahed, Ahed's Knee, Nadav Lapid

Un cinema di pancia, sincopato e rabbioso è quello che ci propone l’autore israeliano Nadav Lapid con il suo quarto lungometraggio dal titolo Il ginocchio di Ahed (Ahed’s Knee), in concorso alla 74esima edizione del Festival di Cannes e vincitore del Premio della giuria. Un film nel film, o meglio la storia del regista Y (interpretato da Avshalom Pollak), in cerca di finanziamenti per il suo nuovo progetto audiovisivo dedicato all’attivista palestinese Ahed Tamimi, protagonista nel 2017 di un video virale, in cui reagiva alle intimidazioni di due militari israeliani. Tamini divenne rapidamente un simbolo di resistenza e opposizione, venendo presa di mira da alcuni oltranzisti che le augurarono di rimanere paralizzata per sempre, richiamandosi alla famosa immagine della pallottola nel ginocchio. Ed è proprio focalizzandosi su questa parte del corpo che Lapid comincia a raccontare la sua storia. Dopo un inizio con una furiosa corsa in moto sotto la pioggia, che sembra girata in soggettiva ma non lo è, una donna si sfila la tuta in pelle ed entriamo nel vivo del casting che Y sta facendo per trovare la sua protagonista.

Il ginocchio di Ahed, Ahed's Knee, Nadav Lapid
Il ginocchio di Ahed, Ahed’s Knee, Nadav Lapid

AHED’S KNEE: UN FILM CHE CI SPINGE A REAGIRE

Atmosfere e montaggio in questa prima parte devono molto al linguaggio del videoclip. In realtà tutto il film ne è contaminato. Scelta stilistica che permette a Lapid di affrontare un argomento serio, come la disgiunzione di se stesso e del suo protagonista da Israele, facendo vivere le immagini sul piano quasi esclusivamente sensoriale, in maniera da caricare il suo J’accuse fino all’esplosione finale; inducendo lo spettatore a reagire più che capire, di fronte ad uno Stato che si intende democratico, ma che in realtà legittima la censura. La tensione, che questo protagonista estremamente respingente genera, si dipana su più fronti. La percepiamo quando Y è da solo, ma soprattutto quando incontra Yahalom (Nur Fibak), un’alta funzionaria del Ministero della Cultura che, oltre a riceverlo, ha il compito di fargli firmare un documento che definisce quali argomenti possano essere trattati nella conversazione col pubblico che seguirà alla visione di un suo film.

Il ginocchio di Ahed, Ahed's Knee, Nadav Lapid
Il ginocchio di Ahed, Ahed’s Knee, Nadav Lapid

AHED’S KNEE: J’ACCUSE NEL DESERTO

Dal contesto urbano del casting ci siamo infatti spostati in un remoto villaggio in mezzo al deserto dove Y comincia ad innescare il meccanismo che farà crescere la frustrazione e la tensione, a partire dall’incontro con questa donna affascinante, di potere, con la quale la carica erotica non può esprimersi per via del suo ruolo; un gioco di seduzione e aggressione (verbale finale soprattutto) in cui il regista la trascina per farla diventare un po’ il capro espiatorio di tutti i mali di Israele. Due sono i dialoghi che puntellano la storia e la tengono insieme, anche quando sembra deragliare con delle parentesi il cui senso è difficile da inquadrare: il primo di benvenuto e l’ultimo, in mezzo al deserto di rocce, dove tra le urla sgorgano lacrime.

AHED’S KNEE, LA COLPA COLLETTIVA

Lapid ci regala un film arrabbiato e discontinuo, che alterna ritmi sostenuti con un susseguirsi di panoramiche a schiaffo disorientanti o distensive, dove lo spazio naturale e architettonico diventa un’occasione di pausa e di respiro da questo tormento, che vive Y tanto quanto lo spettatore; perché è difficile rimanere indifferenti o non provare neanche a opporsi alla carica emotiva di questo personaggio, che sembra non ragionare mai. Se non nel finale, dopo uno sfogo disperato, dopo una prova estrema, quando si rende conto che forse non è Yahalom la colpevole, ma lo sono tutti gli israeliani, che accettano in silenzio, rendendo quindi vano il suo tentativo di ribellione.

-Carlotta Petracci

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Sempre in bilico tra arte e comunicazione, fonda nel 2007 White, un'agenzia dal taglio editoriale, focalizzata sulla produzione di contenuti verbo-visivi, realizzando negli anni diversi progetti: dai magazine ai documentari. Parallelamente all'attività professionale svolge un lavoro di ricerca sull'immagine prestando particolare attenzione alla sua relazione con altri media e forme espressive, in primo luogo la musica. Di cui ama scrivere ma che rappresenta un elemento essenziale della sua identità di filmmaker, nei documentari quanto nelle videoinstallazioni. Appassionata di filosofia, sociologia, antropologia e, nell'accezione più ampia e nomadica, di tutte le scienze, fa convergere i suoi svariati interessi in un approccio ai contenuti, in uno sguardo e in uno stile di scrittura assolutamente cross-disciplinari.