50 anni fa moriva Totò. Ecco come il principe della risata ispirò artisti e creativi

Una galleria dei tanti artisti e creativi che Totò ha ispirato, da Milo Manara al Federico Fellini pittore, ad Andrea Pazienza.

Antonio Griffo Focas Flavio Angelo Ducas Comneno Porfiro – genito Gagliardi De Curtis Di Bisanzio. Pochi, forse solo i veri cultori, sapranno che questa sfilza di patronimici identifica il grande Totò, il Principe Antonio de Curtis di cui quest’anno si celebrano i 50 anni della scomparsa. “Ricordo ancora come uno dei miei primi dolori da bambino la notizia della sua scomparsa”, ha commentato il ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini. “Totò ha regalato a milioni di persone di tante generazioni attimi di felicità e allegria: le cose più preziose che si possono donare”. Inevitabile che la città in prima fila nelle celebrazioni fosse la sua Napoli, che gli ha tributato una laurea honoris causa alla memoria all’Università Federico II, e una serie di mostre fra Maschio Angioino, Palazzo Reale e San Domenico Maggiore. Noi ci uniamo con una galleria dei tanti artisti e creativi che Totò ho ispirato, da Milo Manara al Federico Fellini pittore, ad Andrea Pazienza…

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.