Parlare con Marina Abramović della sua vita e della sua arte. Sotheby’s organizza un talk

Si svolgerà online il prossimo 20 maggio il talk online organizzato dalla casa d’aste che vedrà Marina Abramović conversare della sua vita e della sua arte con professionisti del settore. All’incontro potrà partecipare e intervenire chiunque gratuitamente

Venezia75, Marina Abramovic, photo Irene Fanizza
Venezia75, Marina Abramovic, photo Irene Fanizza

Un talk con Marina Abramović per parlare della sua vita e delle sue opere, a cui chiunque potrà partecipare interagendo direttamente con la celebre performer e altri professionisti del mondo dell’arte: si terrà il prossimo 20 maggio online la “contemporary conversation” Marina Abramović celebreting (Women) Artists, nuovo appuntamento del format Sotheby’s Talks realizzato in collaborazione con Intelligence Squared, forum di discussione e dibattito (reale e virtuale) che, attraverso il coinvolgimento di professionisti e pensatori di tutto il mondo, affronta temi e riflessioni che riguardano le problematiche del mondo contemporaneo. “Confrontati con i luminari dell’arte e i migliori pensatori del mondo ai Sotheby’s Talks”, si legge sul sito della casa d’aste. “Questa serie celebra le arti e mette in luce le frontiere culturali, esplorandone passato, presente e futuro. Unisciti a noi per partecipare a un dibattito coinvolgente sulla cultura di oggi, insieme alla nostra comunità di esperti, collezionisti, artisti, innovatori”. 

IL TALK CON MARINA ABRAMOVIĆ PER SOTHEBY’S 

A invitare follower e utenti del web sui propri profili social è la stessa Marina che, durante il talk, converserà con il futuro Director of Arts and Learning al Barbican Centre Will Gompertz (già Arts Editor per la BBC), con la direttrice della Chisenhale Gallery Zoe Whitley e la Contemporary Art Head of Day Sale di Sotheby’s Marina Ruiz Colomer. Il talk rientra nell’ambito di un focus dedicato alle donne artiste ed è aperto a tutti gratuitamente. Per partecipare è necessario iscriversi a questo link e specificare se si hanno domande da porre durante l’incontro. 

LA VITA E L’ARTE DI MARINA ABRAMOVIĆ AL CENTRO DEL TALK DI SOTHEBY’S 

Nata a Belgrado nel 1946, Marina Abramović è tra gli artisti più noti e influenti degli ultimi cinquant’anni. Il suo approccio e il suo metodo alla performing art hanno rivoluzionato e dato un nuovo assetto al genere, grazie anche al sodalizio artistico e sentimentale con Ulay. Vincitrice del Leone d’Oro come migliore artista alla Biennale di Venezia 1997, Abramović nel 2010 ha tenuto al MoMA di New York la sua prima grande retrospettiva, The Artist is Present, tenendo in questa occasione una lunga performance dalla durata di oltre 700 ore. Nel 2016 è stata pubblicata la sua autobiografia, Attraversare i muri, mentre nel 2017 è stata inaugurata al Moderna Museet di Stoccolma The Cleaner, retrospettiva che è stata poi riproposta in altre città europee, tra cui Firenze (a Palazzo Strozzi). Nel settembre 2020 la Bayerische Staats Opera ha presentato la prima mondiale di 7 Deaths of Maria Callas, opera-performance di Abramović dedicata alla celebre soprano, mentre è in programma per il 2023 After Life, mostra che si terrà alla Royal Academy che, per la prima volta in 250 anni di storia dell’istituzione, impiegherà tutti i suoi spazi per ospitare le opere di un’artista donna.

– Desirée Maida 

www.sothebys.com

ACQUISTA QUI l’autobiografia di Marina Abramović

Dati correlati
AutoreMarina Abramovic
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Ha scritto per testate siciliane e di settore, collaborato con gallerie d’arte e curato mostre di artisti emergenti presso lo Spazio Cannatella di Palermo. Oggi fa parte dello staff di direzione di Artribune e cura per realtà private la comunicazione di progetti artistici e culturali.