Gli artisti italiani si prendono la Finlandia. Ecco la performance di Marinella Senatore

In occasione della mostra “The Quest for Happiness – Italian Art Now” il museo accoglie il grande progetto performativo itinerante di Marinella Senatore. Una giornata di eventi che suggella il legame Italia-Finlandia all’insegna della ricerca artistica.

Performance della School of Narrative Dance di Marinella Senatore. Photo credit Samonà
Performance della School of Narrative Dance di Marinella Senatore. Photo credit Samonà

L’8 marzo 2020 sarà una giornata dedicata all’arte italiana e ai nomi più di spicco della sua scena: al Serlachius Museum, in Finlandia, si svolgerà una grande performance di Marinella Senatore in occasione della mostra The Quest for Happiness – Italian Art Now, di cui vi avevamo raccontato qui. Ad andare in scena, sarà School of Narrative Dance, il progetto espositivo che l’artista campana porta avanti da anni: una serie di incontri, workshop e laboratori finalizzati a un grande evento finale in cui l’obiettivo è creare una narrazione attraverso il corpo. La performance, svoltasi già in diversi paesi del mondo, ha coinvolto ogni volta intere comunità senza limiti di genere, età, appartenenza sessuale o etnica, dando vita a una stratificazione di esibizioni, influenze culturali e modalità espressive.

MARINELLA SENATORE AL SERLACHIUS MUSEUM: GLI EVENTI

Anche questa volta le modalità saranno quelle ricorrenti: i performer che parteciperanno a School of Narrative Dance saranno presi da contesti locali e diretti dalla coreografa Maria Fonzino. L’evento comincerà alle 13, seguito da una visita guidata negli spazi del museo finlandese e da una lecture del ricercatore Outi Pinomaa sugli “italianismi nella terminologia artistica, musicale e gastronomica della lingua finnica”. Anche la cucina nostrana sarà omaggiata, al Restaurant Gösta interno al museo, che servirà pietanze italiane per tutto l’orario di apertura. Questa tappa del tour mondiale di School of Narrative Dance, abbraccia in particolare le tematiche di The Quest for Happiness – Italian Art Now, in corso al Serlachius Museum, in cui gli artisti coinvolti Yuri Ancarani, Silvia Camporesi, Loris Cecchini, Federica Di Carlo, Goldschmied&Chiari, Francesco Jodice, Marzia Migliora, Matteo Montani, Okkult Motion Picture (Alessandro Scali & Marco Calabrese), Federico Pietrella, Pietro Ruffo, Marinella Senatore, Federico Solmi e ZimmerFrei spiegano il legame tra la creatività e la crisi economica che ha abbattuto l’Italia a partire dal 2008, accompagnandoli durante tutta la fase giovanile.

– Giulia Ronchi

Marinella Senatore, School of Narrative Dance
8 marzo 2020
Serlachius Museum
Joenniementie 47
35800 Mänttä, Finlandia
http://www.serlachius.fi

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giulia Ronchi
Giulia Ronchi è nata a Pesaro nel 1991. È laureata in Scienze dei Beni Culturali all’Università Cattolica di Milano e in Visual Cultures e Pratiche curatoriali presso l’Accademia di Brera. È stata tra i fondatori del gruppo curatoriale OUT44, organizzando mostre e workshop con artisti emergenti del panorama milanese. Ha curato il progetto Dissuasori Mobili, presso il festival di video arte “XXXFuoriFestival” di Pesaro. Ha collaborato con le riviste Exibart e Artslife, recensendo mostre e intervistando personalità di spicco dell’arte. Ha collaborato con le testate femminili Elle, Elle Decor, Marie Claire e il maschile Esquire scrivendo di arte, cultura, lifestyle, femminismo e storie di donne.