Ecco lo Young Talent Architecture Prize. Dal 2016 il riconoscimento dell’Unione Europa per i laureati in architettura organizzato da Creative Europe e Mies van der Rohe Foundation

Dopo lo European Union Prize for Contemporary Architecture Mies van der Rohe Award, assegnato per l’edizione 2015 al duo italo-spagnolo Barozzi/Veiga per la Philarmonic Hall di Stettino, in Polonia, Tibor Navracsics, commissario europeo per l’Istruzione, Cultura, Gioventù e lo Sport, ha annunciato nei giorni scorsi la nascita di un nuovo riconoscimento europeo per l’architettura: nasce […]

Young Talent Architecture Prize

Dopo lo European Union Prize for Contemporary Architecture Mies van der Rohe Award, assegnato per l’edizione 2015 al duo italo-spagnolo Barozzi/Veiga per la Philarmonic Hall di Stettino, in Polonia, Tibor Navracsics, commissario europeo per l’Istruzione, Cultura, Gioventù e lo Sport, ha annunciato nei giorni scorsi la nascita di un nuovo riconoscimento europeo per l’architettura: nasce così lo Young Talent Architecture Prize, rivolto esclusivamente alle giovani generazioni, ovvero ai laureati che si affacciano alla professione. Obiettivo fondativo di YTAP è sostenere i talenti formati dalle università dell’Unione, supportandoli nella costruzione della propria carriera lavorativa. In questa ottica, i tre premi annuali che verranno conferiti a partire dal 2016, non prevedono solo un compenso in denaro: ai vincitori sarà offerta la possibilità di viaggiare, visitare e misurarsi con significativi esempi di progettazione, architettonica e urbana, nei vari paesi dell’Unione.
Due elementi di novità sono inoltre rappresentati dalla scelta di porre l’attenzione della giuria internazionale sulle tesi di laurea e dalle modalità di presentazione delle domande: non saranno gli studenti a potersi autocandidare, ma le cinquanta scuole e università accreditate per il premio – la lista non è stata ancora resa nota – procederanno a selezionare al proprio interno i miglior lavori da presentare. A seconda delle Università e delle specializzazioni, sarà possibile presentare più di un progetto, ma comunque entro un numero compreso tra 3 a 5. La laurea conseguita dal candidato dovrà consentire l’esercizio della professione di architetto, quindi dipenderà dalle specifiche di ciascun paese prevedere quali corsi universitari saranno ammessi; al momento dunque questa possibilità sembrerebbe riguardare i corsi di laurea in Architecture, Urban Design e Landscape Architecture, mentre non sono previsti limiti di età da parte del laureato-concorrente.

Valentina Silvestrini

http://www.miesarch.com

CONDIVIDI
Valentina Silvestrini
Valentina Silvestrini (Foligno, 1982) è architetto con specializzazione in allestimento e museografia. Si è formata presso l’Università La Sapienza e la Scuola Normale Superiore di Pisa, dove ha frequentato il "Corso di alta formazione e specializzazione in museografia". Ha sviluppato il suo percorso professionale nell’ambito degli allestimenti temporanei, fieristici e museali e degli eventi di natura culturale e promozionale. È stata assistente alla progettazione di mostre presso lo studio “Il Laboratorio srl” (Roma, 2004/2007) e ha svolto un internship all’ufficio Eventi Speciali di Pitti Immagine srl (Firenze, 2008). Presso l’ICE - Istituto nazionale per il Commercio Estero (Roma, 2008/2010) ha ricoperto il ruolo di assistente alla progettazione di layout espositivi e di assistente alla direzione lavori, recandosi in centri fieristici ed espositivi all’estero (Giappone, Russia e Germania). Ha collaborato con la FUA -Fondazione Umbra per l’Architettura (Perugia, 2011), occupandosi del coordinamento eventi e della comunicazione. E' caporedattore architettura/design/arte di Cosebelle Magazine, per il quale scrive dal 2011.