Lo Strillone: altro che Garcia Márquez! Il Giornale critico sulle doti letterarie di Dario Francescini, ministro scrittore. E poi Celant e Barilli ricordano Carla Accardi, Rodin in mostra a Roma, sempre meno lezioni di filosofia a scuola…

Ricorda di più Cesare Zavattini o Gabriel Garcia Márquez? Nessuno dei due per Il Giornale, che tra ironia e sarcasmo si produce nella storia critica del Dario Franceschini scrittore: deridendo le lodi sperticate della cosiddetta “stampa amica”. Mentre, sullo stesso quotidiano, Marcello Veneziani ci ricorda che se la Storia dell’Arte è scomparsa dall’insegnamento scolastico anche […]

Quotidiani
Quotidiani

Ricorda di più Cesare Zavattini o Gabriel Garcia Márquez? Nessuno dei due per Il Giornale, che tra ironia e sarcasmo si produce nella storia critica del Dario Franceschini scrittore: deridendo le lodi sperticate della cosiddetta “stampa amica”. Mentre, sullo stesso quotidiano, Marcello Veneziani ci ricorda che se la Storia dell’Arte è scomparsa dall’insegnamento scolastico anche la Filosofia comincia ad assumere toni fantasmagorici…

Grandi firme per i coccodrilli di rito in memoria di Carla Accardi: Germano Celant firma quello su La Repubblica; Renato Barilli invece quello de L’Unità.

Mostre: Quotidiano Nazionale a Pavia per Pissarro, su La Stampa il Rodin romano nella recensione di Elena Del Drago. Ode ai mecenati del passato su Il Fatto Quotidiano, con Tomaso Montanari che racconta ai più piccoli di quando nobili e ricchi borghesi abbellivano le nostre città per eternare il proprio nome.

– Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.