Curiosi di sapere come sarà Flash Art Event? Valutate se il buongiorno si vede dal mattino con l’esclusiva fotogallery catturata, di nascosto, a ventiquattro ore dall’inaugurazione della nuova fiera milanese

Al Palazzo del Ghiaccio Artribune ci entra quasi di nascosto, confondendosi tra facchini e assistenti di galleria, a ventiquattro ore esatte dalla premiere di Flash Art Event: e l’atmosfera è di quelle giuste. La location merita davvero tanto, chapeau a quel satanasso di Giancarlo Politi per aver individuato – dopo le discusse esperienze di fiere […]

Imballaggi e dintorni

Al Palazzo del Ghiaccio Artribune ci entra quasi di nascosto, confondendosi tra facchini e assistenti di galleria, a ventiquattro ore esatte dalla premiere di Flash Art Event: e l’atmosfera è di quelle giuste. La location merita davvero tanto, chapeau a quel satanasso di Giancarlo Politi per aver individuato – dopo le discusse esperienze di fiere in hotel – uno spazio inedito e inatteso, ma almeno apparentemente davvero all’altezza; il programma ambizioso, molte delle gallerie di livello assoluto, i progetti curatoriali sicuramente meditati: in certi casi più museali che commerciali.
C’è fermento, a Milano: l’attesa cresce con il passare delle ore, il battage mediatico monta a dovere. Qualche ora di ritardo nella consegna degli stand – pure troppo lamenta a mezza voce qualche gallerista – ma non c’è tempo per polemiche e lamentele, in pieno spirito meneghino è ora di rimboccarsi le maniche e allestire. Curiosi di vedere come procedono i lavori? Immancabile una fotogallery di preview, direttamente dalla linea del fronte…

– Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.
  • atmosfera e opere intraviste, meglio della pre-carrellata di arte fiera….

  • Evviva la novità può essere uno stimolo, anche se non si capisce bene che bisogno c’era di fare un evento a poco da miart.

    Gli stessi che si lagnano di fare sistema sulla città (e che hanno gallerie in milano) poi vanno per la loro strada, confermando un certa incapacità di coerenza …