L’autunno della fotografia? Parla romano. Dopo il Fotografia Festival, al via anche l’ottava edizione di FotoLeggendo

Per gli amanti e appassionati di fotografia, l’attenzione in questo inizio di autunno non può che essere puntata su Roma. Ai tanti eventi legati al Fotografia Festival, sui quali vi abbiamo ampiamente informato e lo faremo ancora, si affiancano ora infatti quelli dell’ottava edizione di FotoLeggendo, manifestazione organizzata e prodotta da Officine Fotografiche e gemellata […]

Una delle foto della mostra di Gianni Berengo Gardin

Per gli amanti e appassionati di fotografia, l’attenzione in questo inizio di autunno non può che essere puntata su Roma. Ai tanti eventi legati al Fotografia Festival, sui quali vi abbiamo ampiamente informato e lo faremo ancora, si affiancano ora infatti quelli dell’ottava edizione di FotoLeggendo, manifestazione organizzata e prodotta da Officine Fotografiche e gemellata con il festival Boutographies – Rencontres photographiques de Montpellier.
Un ricco carnet di mostre, incontri, conferenze, proiezioni e letture del portfolio, con la novità di questa edizione nella sezione interamente dedicata alla visione di e-motion, videoreportage e documentari d’autore, a cura di Emiliano Mancuso. Il tutto spalmato in molteplici sedi, dal Museo di Roma in Trastevere alle Officine Fotografiche, ISFCI – Istituto Superiore di Fotografia e Comunicazione Integrata, st foto libreria galleria, Angelo Mai, fra le altre. E nuova anche la direzione artistica, affidata a Tiziana Faraoni, responsabile photoeditor de L’Espresso.
Per un’informazione capillare sul fitto programma vi rimandiamo al link sottostante: basterà comunque citare la grande mostra L’Aquila prima e dopo, di Gianni Berengo Gardin, dal 26 settembre al Museo di Roma in Trastevere, e poi le esposizioni di Darcy Padilla, Alessandro Cosmelli,Gaia Light, Sebastian Liste, Massimo Berruti.

www.fotoleggendo.it

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Nel 2007 ha curato la costituzione, l’allestimento ed il catalogo del Museo Nino Cordio a Santa Ninfa (Tp). Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. Ha collaborato con diverse riviste specializzate, e nel 2008 ha co-fondato il periodico Grandimostre, del quale è stato coordinatore editoriale. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.