L’autunno della fotografia? Parla romano. Dopo il Fotografia Festival, al via anche l’ottava edizione di FotoLeggendo

Per gli amanti e appassionati di fotografia, l’attenzione in questo inizio di autunno non può che essere puntata su Roma. Ai tanti eventi legati al Fotografia Festival, sui quali vi abbiamo ampiamente informato e lo faremo ancora, si affiancano ora infatti quelli dell’ottava edizione di FotoLeggendo, manifestazione organizzata e prodotta da Officine Fotografiche e gemellata […]

Una delle foto della mostra di Gianni Berengo Gardin

Per gli amanti e appassionati di fotografia, l’attenzione in questo inizio di autunno non può che essere puntata su Roma. Ai tanti eventi legati al Fotografia Festival, sui quali vi abbiamo ampiamente informato e lo faremo ancora, si affiancano ora infatti quelli dell’ottava edizione di FotoLeggendo, manifestazione organizzata e prodotta da Officine Fotografiche e gemellata con il festival Boutographies – Rencontres photographiques de Montpellier.
Un ricco carnet di mostre, incontri, conferenze, proiezioni e letture del portfolio, con la novità di questa edizione nella sezione interamente dedicata alla visione di e-motion, videoreportage e documentari d’autore, a cura di Emiliano Mancuso. Il tutto spalmato in molteplici sedi, dal Museo di Roma in Trastevere alle Officine Fotografiche, ISFCI – Istituto Superiore di Fotografia e Comunicazione Integrata, st foto libreria galleria, Angelo Mai, fra le altre. E nuova anche la direzione artistica, affidata a Tiziana Faraoni, responsabile photoeditor de L’Espresso.
Per un’informazione capillare sul fitto programma vi rimandiamo al link sottostante: basterà comunque citare la grande mostra L’Aquila prima e dopo, di Gianni Berengo Gardin, dal 26 settembre al Museo di Roma in Trastevere, e poi le esposizioni di Darcy Padilla, Alessandro Cosmelli,Gaia Light, Sebastian Liste, Massimo Berruti.

www.fotoleggendo.it

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Dal 2011 al 2017 ha fatto parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.