Because the night belongs to Piero della Francesca. Arezzo e Montevarchi ospitano Patti Smith, ispirata dal Sogno di Costantino. Intense rivisitazioni rock

Dopo la partecipazione al Festival Collisioni a Barolo e i concerti al Vittoriale degli Italiani a Gardone Riviera e a Villa Arconati di Castellazzo di Bollate (Mi), continua la cavalcata inarrestabile del tour estivo di Patti Smith in Italia, con una chicca niente male che riguarda le arti visive. Fa parte del suo più recente […]

Piero della Francesca, Il sogno di Costantino, ca. 1455 - Arezzo, San Francesco

Dopo la partecipazione al Festival Collisioni a Barolo e i concerti al Vittoriale degli Italiani a Gardone Riviera e a Villa Arconati di Castellazzo di Bollate (Mi), continua la cavalcata inarrestabile del tour estivo di Patti Smith in Italia, con una chicca niente male che riguarda le arti visive. Fa parte del suo più recente disco Banga il brano Constantine’s Dream, una delle sue poesie più lunghe e intensamente dark, ipnotica ispirazione al noto affresco di Piero della FrancescaSogno di Costantino, pezzo fondamentale delle “Storie della Vera Croce”, collocato nella cappella maggiore della Basilica di San Francesco ad Arezzo. Costantine’s Dream  è una ballata apocalittica, realizzata in collaborazione con la band aretina folk-rock Casa del Vento (insieme hanno composto anche un altro brano del disco, Seneca), con cui la musicista ha instaurato un sodalizio artistico e umano culminato l’anno scorso in un disco di live, “Seeds in the wind”, pubblicato da Emergency, con ricavato devoluto all’organizzazione benefica.

Casa del vento e Patti Smith, col suo inseparabile chitarrista Lenny Kaye, nel 2010 avevano già suonato insieme in tre memorabili concerti, di cui uno a Firenze durante il Meeting nazionale di Emergency e due alla Citè della Musique di Parigi. Da qui l’idea di realizzare “Seeds in the wind”, che verrà probabilmente suonato domani sera in piazza Cavour a Montevarchi: l’occasione è la partecipazione della Smith al Festival OrienteOccidente, proprio per intervenire durante alcuni brani del gruppo di Luca Lanzi. Appuntamento allora in piazza alle 21.30, biglietto a 10 euro, senza dimenticarsi il reading gratuito di Patti Smith, in mattinata (ore 11, Basilica di San Francesco ad Arezzo), ispirato al celebre affresco di Piero della Francesca.

– Claudia Giraud

www.orientoccidente.net

CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è responsabile dell'area Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica musicale "Art Music". E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).
  • tere

    grande patti!