Come spiegare ai bambini i falli volanti di Pipilotti Rist? A Milano ci provano con le visite guidate di Unduetrestella

Chi ha visto la mostra, la domanda se la farà di certo: ma siamo sicuri che sia la mostra giusta? Siamo sicuri che bambini dai 5 anni in su, siano in grado di metabolizzare i tanti nudi, scene comunque forti, ed anche gli “organi sessuali maschili” volanti che fanno parte dell’immaginario visuale dell’artista, e che […]

Un'immagine da Parasimpatico, di Pipilotti Rist

Chi ha visto la mostra, la domanda se la farà di certo: ma siamo sicuri che sia la mostra giusta? Siamo sicuri che bambini dai 5 anni in su, siano in grado di metabolizzare i tanti nudi, scene comunque forti, ed anche gli “organi sessuali maschili” volanti che fanno parte dell’immaginario visuale dell’artista, e che compaiono nelle opere in mostra a Milano?
Già, perché l’oggetto è questo: la Fondazione Nicola Trussardi organizza Luce per i tuoi occhi, una giornata di visite speciali dedicata ai più piccoli alla mostra Parasimpatico, di Pipilotti Rist, in corso all’ex Cinema Manzoni. Quattro gli appuntamenti previsti durante la giornata, alle 11.30, alle 14.30, alle 16.00 e alle 17.30, con i bambini dai cinque anni che saranno condotti “alla scoperta del magico mondo attraverso percorsi e attività studiati per loro”. Come in una speciale caccia al tesoro, i bambini dovranno aguzzare la vista e scoprire il maggior numero di oggetti nascosti all’interno dei lavori dell’artista svizzera.
A ideare l’iniziativa è stato Unduetrestella, progetto curatoriale di arte contemporanea per bambini nato nel 2009, che ha all’attivo collaborazioni, tra gli altri, con il Museo del Novecento di Milano. Esperti, quindi, che certamente sapranno gestire la cosa evitando situazioni critiche…

www.unduetrestellababy.com

CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.
  • Io credo che i bambini capiscano perfettamente tutto, bisognerebbe spiegarlo agli adulti…e non ai loro genitori, ma ad un pubblico normale vero; il migliore sistema italiano vive la presunzione rassicurante che il pubblico sia totalmente idiota.

    Se si smettesse di pensare solo ai bambini (spesso per permettere ai genitori di scaricarli e fare aperitivo) forse si stimolerebbe un pubblico (che oggi non c’è) e si aiuterebbero indirettamente anche i bambini-figli di questo pubblico….

    lr

  • Angelov

    Premesso che un’Opera d’Arte Visiva debba essere in grado di sopravvivere senza troppi puntelli critici o spiegazioni, se sorge un dubbio di questo tipo, io mi rivolgerei ad un Magistrato per verificare che la Mostra etc. ed alla risposta di Lui che tutto è normale e va bene così senza censura, allora chiederei a Lui di spiegare a mio figlio il significato dei Falli Volanti. L’ipocrisia si può anche vincere con l’assumersi la responsabilità delle proprie scelte. Roberto Benigni fece un film per spiegare ad un bambino cosa succedeva nei campi di sterminio.

  • Ivan

    @whitehouse: è grazie a quest’atteggiamento radical chic che sono ormai i genitori ad avere timore reverenziale dei figli anzichè viceversa. Se i bambini capissero perfettamente tutto non avrebbe senso crescessero.
    Ivan

    • simona

      Ricordo di essere andata l’anno scorso ad una pièce tetrale “La palestra”: il tema era uno stupro.
      Ricordo di aver visto una bambina.
      Ricordo che la stessa regista aveva detto alla mamma della bambina che la pièce sarebbe stata un pò ‘forte’.
      Ricordo che la mamma rispose “vedono questo e altro alla TV!”.
      Ricordo che alla fine della pièce, molto bella, ne uscìi con una sensazione forte addosso. E ho pensato alla bambina.
      I bambini capiscono tutto, forse proprio per questo ogni tanto bisognerebbe non cancellare la realtà ma filtrarla.