Arte e riqualificazione urbana, ecco i venti artisti in arrivo a Lecce per il Masterclass in Residence Default

Non un convegno, non un corso, non un semplice incontro. Ma Default Masterclass: on Art, Cities and Regeneration: una piattaforma, un contesto – organizzato dall’associazione Ramdom – dove 20 artisti selezionati potranno discutere e interagire, creare connessioni e far nascere stimoli di riflessione assieme a curatori d’arte, pubblico, partners internazionali. Accade a Lecce, dove dal […]

Alberto Borea - Geography

Non un convegno, non un corso, non un semplice incontro. Ma Default Masterclass: on Art, Cities and Regeneration: una piattaforma, un contesto – organizzato dall’associazione Ramdom – dove 20 artisti selezionati potranno discutere e interagire, creare connessioni e far nascere stimoli di riflessione assieme a curatori d’arte, pubblico, partners internazionali. Accade a Lecce, dove dal 21 al 30 settembre il filo conduttore sarà il ruolo della cultura artistica all’interno della riqualificazione urbana in tempo di crisi: quali possibilità esistono, oggi, per interagire in un quadro di politiche governative di rivitalizzazione delle aree cittadine?
Il tutto disseminato in location che – of course – saranno spazi ex industriali e aree in dismissione della città, fatte rivivere dagli ospiti e dai relatori. Lo scopo finale sarà invece, per gli artisti, l’elaborazione di una proposta professionale e concreta. Chi sono i selezionati? Gli italiani Alessia Rollo, Angela Zurlo, Giuseppe Pansa, Lucia Leuci, Maria Rebecca Ballestra, Sergio Racanati, Serena Porrati, Simone Massafra, Stefano Cagol, Tatiana Villani, e poi Alberto Borea (PE), Anthony McInneny (AUS), Bean (UK), Emma Houlihan (EIRE), Heba Amin (EGY), Marcus Owens (USA), Natascha Hagenbeek (NL), Rachela Abbate (DE), Rosario Montero Prieto (UK), Tonka Malekovic (HRV).

– Marta Santacatterina

Info: agmculture.orgramdom.net

CONDIVIDI
Marta Santacatterina
Marta Santacatterina è giornalista pubblicista e dottore di ricerca in Storia dell'arte, titolo conseguito presso l'Università degli Studi di Parma. È editor freelance per conto di varie case editrici e, dal 2015, ricopre il ruolo di direttore sia di Fermoeditore sia della rivista online della stessa casa editrice, "fermomag", sulla quale cura in particolare le rubriche dedicate all'arte e alle mostre. Collabora con "Artribune" fin dalla nascita della rivista, nel 2011.