Un labirinto di ponti, la nuova installazione dei West 8 alla Xi’an International Horticultural Exhibition

Un titolo ironico: Garden of 10.000 Bridges. Sono appena cinque, infatti, i ponti rossi che svettano nella fitta distesa di canne di bambù in una delle aree della Xi’an International Horticultural Exhibition, fiera cinese dedicata all’orticoltura, inaugurata il 28 aprile e visitabile fino al 22 ottobre. Dove sono gli altri 9.995? Potete solo immaginarli. Il […]

Un titolo ironico: Garden of 10.000 Bridges. Sono appena cinque, infatti, i ponti rossi che svettano nella fitta distesa di canne di bambù in una delle aree della Xi’an International Horticultural Exhibition, fiera cinese dedicata all’orticoltura, inaugurata il 28 aprile e visitabile fino al 22 ottobre.
Dove sono gli altri 9.995? Potete solo immaginarli. Il progetto, ad opera degli architetti olandesi West 8, è infatti una metafora. I ponti simboleggiano la condizione umana, fatta di scalate e discese, incertezze e gioie. Un percorso tortuoso, come un labirinto dove ognuno deve trovare la propria via d’uscita.
Un’installazione site specific al limite della Land Art, dove architettura e paesaggio (vedere le immagini, courtesy West 8 urban design & landscape architecture) trovano uno strano equilibrio, lavorando insieme per suggerire una visione più ampia e universale. Un concetto su cui Adriaan Geuze, Edzo Bindels e Martin Biewenga, partner principali dello studio, lavorano da tempo, almeno da quando hanno vinto il concorso per il Parco di Governors Island a New York (dove hanno fondato la seconda sede) o per il Waterfront di Toronto (la terza sede). Una firma ormai molto popolare e diramata, che ha esportato la cultura olandese degli spazi aperti in tutto il mondo.

Zaira Magliozzi

CONDIVIDI
Zaira Magliozzi
Architetto, architecture editor e critico. Dalla sua nascita, fino a Marzo 2015, è stata responsabile della sezione Architettura di Artribune. Managing editor del magazine di design e architettura Livingroome. Corrispondente italiana per la rivista europea di architettura A10. Dal 2006 cura la rubrica “Corrispondenze” nella rivista presS/Tletter. Pr e project manager di progetti dedicati alla comunicazione del design e dell’architettura per l’agenzia di comunicazione SignDesign. Ha scritto per The Architectural Review, L’Arca, Il Giornale dell’Architettura, Il Gambero Rosso, Compasses, Ulisse e Quaderno di Comunicazione. Membro del Consiglio direttivo di IN/ARCH Lazio. Dal 2009 fa parte del laboratorio presS/Tfactory, legato all’AIAC - Associazione Italiana di Architettura e Critica - per l’organizzazione di eventi, workshop, concorsi, corsi, mostre e altre iniziative culturali legate al mondo dell’architettura.