Alla volta di Volta. Quattro gallerie italiane anche alla fiera bric-à-brac ai margini di Art Basel

A fondarla nel 2005 sono stati proprio tre galleristi, Kavi Gupta (Chicago), Ulrich Voges (Francoforte) e Friedrich Loock (Berlino). Ed oggi Volta, che dal 13 al 18 giugno celebrerà a Basilea la sua settima edizione, pare aver conservato l’impostazione iniziale: mettere al centro le gallerie, senza curarsi troppo della linea nella quale inserire le scelte. […]

Gli spazi della Dreispitzhalle (foto Simon Hauser & David Schwarz, Courtesy of Dreispitzhalle, Christoph Merian Stiftung Basel)

A fondarla nel 2005 sono stati proprio tre galleristi, Kavi Gupta (Chicago), Ulrich Voges (Francoforte) e Friedrich Loock (Berlino). Ed oggi Volta, che dal 13 al 18 giugno celebrerà a Basilea la sua settima edizione, pare aver conservato l’impostazione iniziale: mettere al centro le gallerie, senza curarsi troppo della linea nella quale inserire le scelte.
E dopo aver passato al vaglio diverse centinaia di proposte, la selezione ha portato a una settantina di inviti: accanto a 57 gallerie europee e 8 gallerie americane, saranno presenti gallerie provenienti dal Sud America, dal Medio Oriente, dall’Asia e dal Canada. Non mancano nomi interessanti del panorama globale, dal messicano Enrique Guerrero a Priska Juschka da New York, a Jiri Svestka da Praga. E anche dall’Italia sono quattro le gallerie a puntare la Dreispitzhalle per la loro presenza basileese: da un ormai veterano delle fiere International come Federico Luger a Magrorocca – sempre da Milano -, a nomi più nuovi come Paolo Maria Deanesi da Rovereto e la romana Diagonale.
Con un importante contributo italico anche nel Comitato Curatoriale, dove Francesco Stocchi si divide i compiti con Jacopo Crivelli Visconti, critico e curatore di Sâo Paulo, Christoph Doswald, critico e curatore di Zurigo, Jasper Sharp, curatore e scrittore di Vienna.

www.voltashow.com

CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.