La soluzione al problema della sovrappopolazione? Diventare piccoli piccoli. È questa l’idea di partenza di Downsizing, la commedia di fantascienza diretta da Alexander Payne presentata all’ultimo festival del cinema di Venezia e in uscita sul grande schermo alla fine dell’anno. Interpretato da Matt Damon, Christoph Waltz, Hong Chau, Jason Sudeikis e Kristen Wiig, il film è ambientato a Omaha, in Nebraska, città natale del regista, e racconta la storia di due coniugi che scelgono di seguire un futuristico programma di rimpicciolimento messo a punto da un team di scienziati norvegesi con l’ambizioso obiettivo di salvare il mondo.
Una pellicola, quella di Payne (già autore del fortunato Sideways, 2004), che pur partendo da una premessa intrigante, non ha tuttavia convinto la critica, che ha descritto il film come scialbo e poco riuscito. Persino gli effetti speciali, un terreno in cui il regista americano si avventura per la prima volta, non sono stati ritenuti all’altezza. In attesa di vederlo nelle sale, ecco l’anticipazione offerta dal nuovo trailer, rilasciato da pochi giorni.

CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.