“The first fully painted feature film in the world – Bringing the paintings of Vincent Van Gogh to Animated Life” recita lo slogan d’apertuta sul sito del film. Diretto dalla pittrice polacca Dorota Kobiela e dal regista inglese Hugh Welchman (Premio Oscar con Pierino e il lupo nel 2006), Loving Vincent è prodotto dagli Studios Breakthru and Trademark.
Il film è stato parzialmente finanziato attraverso Kickstarter e si stima che per la realizzazione totale serviranno oltre 57.000 inquadrature dipinte: 12 quadri a olio per secondo per un film di circa 80 minuti.
Loving Vincent segue la vita dell’artista olandese e la sua morte misteriosa, archiviata come caso di suicidio. Lo fa attraverso 120 dei suoi quadri più famosi e 800 documenti epistolari.

Proprio da una di queste lettere nasce l’ispirazione, ha dichiarato la Kobiela a Voice of America nel punto in cui “Van Gogh scrisse al fratello che siamo in grado di parlare solo attraverso le nostre opere”.
È ancora possibile partecipare al progetto. Gli artisti vengono reclutati in quattro fasi: spedizione del portfolio, test delle capacità, prima prova di tre giorni, tre settimane di training intensivo con applicazione su Painting Animation Work Station. Solo superate tutte queste prove, si accede definitivamente alla realizzazione del film. I selezionati hanno diritto a vitto, alloggio e 210 euro di stipendio. Le sedi del lavoro sono Danzica e Wroclaw in Polonia.

 – Federica Polidoro

join.lovingvincent.com

CONDIVIDI
Federica Polidoro
Federica Polidoro si laurea in Studi Teorici Storici e Critici sul Cinema e gli Audiovisivi all'Università Roma Tre. Ha diretto per tre anni il Roma Tre Film Festival al Teatro Palladium, selezionando opere provenienti da quattro continenti, coinvolgendo Istituti di Cultura come quello Giapponese e soggiornando a New York per la ricerca di giovani talent sia nel circuito off, che nell'ambito dello studentato NYU Tisch, SVA e NYFA. Ha girato alcuni brevi film di finzione, premiati in festival e concorsi nazionali. Ha firmato la regia di spot, sigle e film di montaggio per festival, mostre, canali televisivi privati e circuiti indipendenti. Sta lavorando ad un videoprogetto editoriale per la casa editrice koreana Chobang. È giornalista pubblicista e negli anni ha collaborato con quotidiani nazionali, magazine e web media come Il Tempo, Inside Art e Il Faro. Ha seguito da corrispondente i principali eventi cinematografici dell'agenda internazionale tra cui Cannes, Venezia, Toronto, Taormina e Roma e i maggiori avvenimenti relativi all'arte contemporanea della Capitale. Attualmente insegna Tecniche di Montaggio all'Accademia di Belle Arti.