Sfornato lo scorso 17 aprile, con opzione download a offerta libera, l’Ep omonimo del progetto Walt & Vervain regala una deliziosa sintesi di dream pop ed electro pop. Tutto molto francese. Cinque ballate ludiche, malinconiche, sospese: ninne nanne sonore per racconti sottovoce, tra beat liquidi e dondolii fantastici. A pochi giorni di distanza arriva un video clip dell’artista e graphic designer Jodeph, concepito per accompagnare la suadente, sussurrata “Babes Lair“.
Ispirazione doppia, per un risultato eccellente: da un lato l’omaggio al cinema espressionista di Lotte Reiniger, con le sue celebri silhouette animate, figurine irreali ritagliate nel bianco dello schermo; dall’altro il riferimento a Limbo, noto video game dall’altissima qualità grafica, che ambienta le avventure del piccolo protagonista in un bosco incantato: anche qui tutto affidato a un bianco e nero fiabesco.
Bellissimo il film di Joseph, perfettamente modellato sull’esprit onirico del disco. La stessa malinconia, lo stesso sguardo infantile, la stessa raffinatezza di ritmi, dettagli, armonie. Un teatrino delle ombre, tra paesaggi nebbiosi e incantesimi lunari, per una piccola favola elettronica.

– Helga Marsala

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.