Milano: inaugura a CityLife il nuovo Shopping District progettato da Zaha Hadid

Un altro tassello si aggiunge a CityLife, il grande progetto di riqualificazione dell’ex polo fieristico milanese. Apre al pubblico il distretto commerciale urbano più grande d’Italia: 100 negozi su 32mila metri quadri compongono la nuova offerta commerciale nel cuore della città.

CityLife Shopping District, ph. Fanelli
CityLife Shopping District, ph. Fanelli

Per un costo complessivo pari a 2 miliardi di euro e con 366.000 metri quadri di superficie, CityLife è uno dei più importanti interventi di rigenerazione urbana in corso in Europa. Simbolo del progetto di trasformazione sono le Tre Torri – denominate il Dritto, lo Storto, il Curvo – due delle quali sono già state completate e portano la firma di Arata Isozaki e di Zaha Hadid. È prevista per il 2020 la fine del cantiere della Torre di Daniel Libeskind, avviato a novembre 2015. Nel cuore dell’area, ai piedi delle Torri, sorge ora il Business & Shopping District, l’intervento polifunzionale che ambisce a essere una nuova attrazione per Milano. Sviluppato attraverso tre componenti architettoniche distinte, il District vanta un collegamento diretto con la città grazie alla metropolitana M5. La stazione “Tre Torri” è posta al centro della piazza progettata da One Works, studio di architettura italiano esperto in urban design. A completare lo spazio all’aperto è stato l’architetto Mauro Galantino, che ha progettato la shopping street pedonale ispirata alle vie commerciali milanesi.

CityLife Shopping District, ph. Fanelli
CityLife Shopping District, ph. Fanelli

IL PROGETTO DELLO STUDIO HADID ARCHITECTS

L’ingresso alla promenade commerciale è stato intitolato alla celebre designer milanese Anna Castelli Ferrieri, allieva di Franco Albini. Lo studio Zaha Hadid Architects ha progettato la galleria commerciale, articolata su tre livelli, che ospita un mix di spazi dedicati al fashion e al food assieme al multisala Anteo, composto da 7 sale proiezione. Oltre ai nuovi interventi, è stata ultimata la restaurazione delle facciate dello storico Padiglione 3 della vecchia Fiera di Milano. L’edificio verrà integrato al progetto CityLife attraverso una nuova funzione d’uso pubblica di interesse culturale. Armando Borghi, CEO di CityLife, racconta: “Siamo orgogliosi di poter annunciare l’apertura di CityLife Shopping District, il più innovativo distretto commerciale italiano che si integrerà perfettamente con la parte residenziale e le torri di uffici. CityLife è un esempio di come Milano ha saputo rigenerarsi ed offrire un nuovo modo di vivere la città”. Non solo un esempio, ma a onor del vero uno dei tanti esempi per fortuna del capoluogo lombardo.

– Bianca Felicori

http://www.zaha-hadid.com/

CONDIVIDI
Bianca Felicori
Architetto junior e studentessa del corso di Laurea Magistrale in Architettura e Disegno Urbano presso il Politecnico di Milano. Bolognese di nascita e milanese di adozione, si muove spesso tra Caserta, Napoli e Londra. Si è laureata con la tesi “L’occhio dell’arte in Domus”, dedicata al rapporto tra la disciplina architettonica e quella artistica nella storia della rivista, con il contributo di Nicola Di Battista, direttore della testata, e Mimmo Paladino. Dopo un periodo di stage all’interno della redazione di Domus, ora collabora come reporter esterna in occasione degli eventi dedicati all’architettura in Italia.