Il duo irlandese Farrell e McNamara guiderà la Biennale Architettura 2018

Leone d’Argento alla Biennale Architettura 2012, le pluripremiate fondatrici dello studio Grafton Architects sono state nominate alla direzione della 16. Mostra Internazionale di Architettura

Yvonne Farrell e Shelley McNamara

Saranno Yvonne Farrell e Shelley McNamara le curatrici della 16. Mostra Internazionale di Architettura, in programma a Venezia dal 26 maggio al 25 novembre 2018. Su proposta del Presidente Paolo Baratta, il Cda della Biennale di Venezia ha affidato l’incarico alle due progettiste irlandesi che a Dublino hanno fondato e dirigono il celebre studio Grafton Architects, artefice anche del nuovo edificio dell’Università Bocconi, a Milano. Attive nella progettazione di complessi in particolare destinati a istituzioni e università – in Irlanda hanno firmato gli uffici della Dublin City University, il Parson’s Building, il Trinity College a Dublino, il Government Department for the Office of Public Works – le neo-curatrici operano anche nella formazione. Entrambe insegnano all’University College di Dublino, dal 1976, e sono titolari della cattedra di architettura all’Accademia di Mendrisio.

SPAZIO PUBBLICO E PRIVATO

Note in tutto il mondo per la loro attività progettuale e di ricerca, come ha anticipato il Presidente Paolo Baratta, Yvonne Farrell e Shelley McNamara si legheranno alla linea tracciata dalla Mostra di Alejandro Aravena, in particolare “riprenderanno lo stesso tema da un altro punto di vista volgendo attenzione alla qualità dello spazio pubblico e privato, dello spazio urbano, del territorio e del paesaggio quali riferimenti principali e finalità della stessa architettura. Le curatrici, note per la raffinatezza del loro lavoro, sono conosciute anche per una intensa attività pedagogica e per la loro capacità di coinvolgere e appassionare le nuove generazioni”. Dopo l’esperienza della giapponese Kazuyo Sejima, direttrice nel 2010 dell’edizione dal titolo People meet in architecture, e della 51. Esposizione Internazionale d’Arte, nel 2005, nella quale per la prima volta due donne, María de Corral e Rosa Martínez, entrambe spagnole, vennero nominate curatrici dell’evento, con il duo Farrell e McNamara la Biennale di Venezia torna a puntare sulle donne.

Valentina Silvestrini

Dati correlati
AutoreGrafton Architects
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Silvestrini
Architetto con specializzazione in allestimento e museografia, si è formata presso l’Università La Sapienza e la Scuola Normale Superiore di Pisa, dove ha frequentato il "Corso di alta formazione e specializzazione in museografia". Ha intrapreso il proprio percorso professionale in parallelo con gli studi, occupandosi di allestimenti museali, fieristici ed eventi.​ ​È stata assistente alla progettazione di mostre presso lo studio “Il Laboratorio srl” (Roma, 2004/2007); ha svolto un internship all’ufficio Eventi Speciali di Pitti Immagine srl (Firenze, 2008). All’ICE - Istituto nazionale per il Commercio Estero (Roma, 2008/2010) ha ricoperto il ruolo di assistente alla progettazione di layout espositivi e alla direzione lavori, recandosi in centri espositivi ​in Giappone, Russia e Germania. ​Ha curato il coordinamento eventi e ​la​​​ comunicazione​ della FUA - Fondazione Umbra per l’Architettura (Perugia, 2011)​.​ ​​​​​Ha scritto e scrive per ​Abitare, ​abitare.it, ​domusweb.it, ​Living, Klat, Icon Design, Grazia Casa e Cosebelle Magazine, di cui è caporedattrice design.​ ​Dal 2012 collabora con Artribune​.​