La Sicilia oltre Álvaro Siza

L’architettura siciliana sembra avere un santo protettore: Álvaro Siza. L’architetto portoghese è oggetto di una venerazione che risale già ad alcuni decenni. Ma la Sicilia dell’architettura riserva ben altre sorprese…

Maria Giuseppina Grasso Cannizzo, Torre di controllo, Marina di Ragusa - photo Hélène Binet

Di Álvaro Siza si ammira il modernismo prudente fatto di solidi muri invece che di ampie superfici vetrate, il composto monumentalismo che un po’ strizza l’occhio alla tradizione classica e un po’ a quella (ma sempre meno) organica attraverso la mediazione di Alvar Aalto, il biancore delle pareti spesso intonacate ma altre volte realizzate con solide pietre. A introdurlo nell’isola fu l’Università di Palermo. I primi apostoli probabilmente furono Vittorio Gregotti, che a Palermo insegnava e che ne ha poi diffuso il verbo a livello nazionale attraverso la rivista Casabella, il duo Culotta e Leone e, infine, Roberto Collovà, il quale ha realizzato con il portoghese un’opera a Salemi.
Oggi apostoli ve ne sono dappertutto nelle troppe facoltà di architettura che costellano la Sicilia: a Catania, a Siracusa, a Enna e non so in quanti altri centri minori. Risultato? Ogni volta che Siza è venuto in Sicilia, è stato trattato con maggior devozione di quella dimostrata per Santa Rosalia e Sant’Agata: acclamato da folle di giovani urlanti sulle cui magliette era disegnato con penna indelebile il nome accompagnato da faccine sorridenti. Alla faccia del commento Bonjour Tristesse che una mano anonima aveva tracciato sopra il muro di un suo palazzo realizzato a Berlino negli Anni Ottanta.

Maria Giuseppina Grasso Cannizzo, Torre di controllo, Marina di Ragusa - photo Hélène Binet
Maria Giuseppina Grasso Cannizzo, Torre di controllo, Marina di Ragusa – photo Hélène Binet

Tutto questo per dire che, se vi fermate a un’analisi superficiale, potreste pensare che l’architettura siciliana sia prevalentemente siziana. Non è così. L’isola sforna progettisti caratterizzati da una pluralità di atteggiamenti molto diversi rispetto a tale stereotipo. A Vittoria, per esempio, opera Maria Giuseppina Grasso Cannizzo, che persegue una poetica più attenta alle forme e ai materiali contemporanei, anche se dal disegno non meno rigoroso. A Pace del Mela c’è Claudio Lucchesi all’interno di un collettivo transnazionale dal nome UFO, che si caratterizza per sperimentazioni attraverso tecniche di progettazione digitali. A Ragusa è attivo lo studio Architrend, con una produzione notevole e di qualità che si ispira al minimalismo miesiano, messo in crisi da una onnivora curiosità per quanto di più interessante si produce in ambito internazionale. E poi c’è un professionismo di alto livello con una pluralità di declinazioni che ha poco riscontro in altre realtà regionali: Orazio La Monaca, lo studio Salvo Cusenza, Giuseppe Scannella, Antonio Iraci, studio Scau, Antonio Mauro, Renato Arrigo, Giuseppe Merendino, per fare qualche nome.

Álvaro Siza e Roberto Collovà, Chiesa Madre, Salemi
Álvaro Siza e Roberto Collovà, Chiesa Madre, Salemi

Ai quali occorre aggiungere alcune voci, fuori dal coro siziano, che si trovano all’interno delle stesse università. Per esempio Marco Navarra. E poi vi è un’infinità di giovani non inquadrabili perché devono buona parte della loro formazione a esperienze condotte fuori dall’isola, spesso in importanti studi internazionali.
La Sicilia: un laboratorio per l’architettura? Forse è eccessivo. Certo è che l’isola rappresenta una delle più vive realtà regionali nel campo architettonico, sicuramente la più interessante del meridione.

Luigi Prestinenza Puglisi

Articolo pubblicato su Artribune Magazine #21

Abbonati ad Artribune Magazine
Acquista la tua inserzione sul prossimo Artribune

 

CONDIVIDI
Luigi Prestinenza Puglisi
Luigi Prestinenza Puglisi (Catania 1956). Critico di architettura. Collabora abitualmente con Edilizia e territorio, The Plan, A10. E’ il direttore scientifico della rivista Compasses (www.compasses.ae) e della rivista on line presS/Tletter. E’ presidente dell’ Associazione Italiana di Architettura e Critica (www.architetturaecritica.it ). E’ il curatore della serie ItaliArchitettura (Utet Scienze Tecniche). Da non perdere la sua Storia dell’architettura del 1900 che appare a puntate sul sito www.presstletter.com . Tra i libri: Rem Koolhaas, trasparenze metropolitane, Testo&Immagine ,Torino 1997. HyperArchitettura, Testo&Immagine , Torino 1998 e Birkhäuser, Basilea 2008 ( HyperArchitecture). This is Tomorrow, avanguardie e architettura contemporanea, Testo&Immagine , Torino1999. Zaha Hadid, Edilstampa, Roma 2001. Silenziose Avanguardie, una storia dell’architettura: 1976-2001, Testo&Immagine , Torino 2001. Tre parole per il prossimo futuro, Meltemi, Roma 2002. Introduzione all’architettura, Meltemi, Roma2004. New Directions in Contemporary Architecture, Wiley, Londra 2008. Breve Corso di scrittura critica (Lettera 22, Siracusa 2012)
  • Davide Musmeci

    Se scrivi che Gregotti è un apostolo di Siza, poi non ti lamentare se ti aspetta fuori con una roncola.