Zezeze e la disabilità mentale

Ospitata nell’hangar 21 del porto di Tel Aviv, la Zezeze Architecture Gallery – da tempo attiva sulla scena cittadina con iniziative, mostre e workshop, tra cui la EcoWeek Middle East di marzo – indìce questa volta una competizione internazionale aperta per la creazione di un centro di assistenza diurna a Beer Sheba, sobborgo di 200mila abitanti di Tel Aviv, per ottanta adulti con disabilità mentali.

Zezeze Architecture Gallery - Tel Aviv

Il centro dovrà avere una metratura di circa 1.600 mq e sarà sviluppato seguendo tre fasi: una prima, in cui è necessario proporre una soluzione per 32 residenti e una seconda e terza che vedrà invece lo sviluppo di un lotto aggiuntivo per i restanti 48 residenti, per un valore totale di 15,60 milioni di NIS, pari a 4 milioni di dollari. Un concorso aperto, trasparente e senza limitazioni, con due fasi di gara, di cui una prima anonima da consegnare entro lo scorso 3 febbraio e una seconda con i finalisti shortlisted proclamati a fine maggio.
Interessante per diversi motivi: un primo, di natura squisitamente sociale, che vede una galleria d’architettura farsi promotrice di un concorso con questa tematica; un secondo, di natura intellettuale, legato alla scelta di avere come membri di giuria componenti diverse ed eque del sistema cittadino e non solo addetti ai lavori (11 membri totali); e un terzo, di natura economica, perché i vincitori avranno diritto a un premio in denaro reperito grazie a numerose sponsorizzazioni esterne.
Un’iniziativa utile a ricordare che l’integrazione passa anche dal modo in cui si progetta lo spazio del vivere civile, in cui chiunque possa godere di pari diritti e opportunità, senza barriere.

Giulia Mura

www.zearchitecture.com

Articolo pubblicato su Artribune Magazine #11

Abbonati ad Artribune Magazine
Acquista la tua inserzione sul prossimo Artribune

CONDIVIDI
Giulia Mura
Liceo classico E.Q.Visconti, laurea triennale in Arredamento e Architettura di Interni presso l’Università la Sapienza – Valle Giulia con tesi sperimentale in museografia (prof.ssa Daniela Fonti e Rossella Caruso), e master in “European Museology” presso la Iulm di Milano (prof. Massimo Negri) . Da qualche anno collabora con il prof. Luigi Prestinenza Puglisi , con cui collabora presso il laboratorio PresS/T factory nel ruolo di organizzatrice di Mostre ed Allestimenti presso la Casa dell’architettura- Acquario Romano, nonché come giurata nei concorsi e assistente all’Università Ludovico Quaroni, facoltà di disegno industriale. Scrive per www.presS/Tmagazine.it, per la rivista araba Compasses (www.compasses.ae) e per Artribune (www.artribune.com). Attualmente impegnata come junior curator per la seconda edizione di Worldwide Architecture, edizioni Utet e consulente museologia al museo Mafos ( Museo e Archivio di Fotografia storica), Roma.