Artisti di carta. Il libro di Roberto Pinto

Un saggio che indaga i rapporti fra arti visive e letteratura. Attraverso una serie di casi studio che vanno da Orhan Pamuk a Don Delillo.

Sophie Calle & Paul Auster, Double Game and Gotham Handbook (Violette Editions, 1999)
Sophie Calle & Paul Auster, Double Game and Gotham Handbook (Violette Editions, 1999)

Questa è una rubrica che da anni si occupa di segnalare e recensire quei libri di narrativa (romanzi, per lo più) che nella loro trama hanno un alto gradiente artistico. E non parliamo di stile, bensì di personaggi che siano artisti, o magari architetti, oppure di trame che portino il lettore dentro musei e gallerie, biennali o quinquennali. Romanzi, insomma, nei quali le arti visive siano lo scenario, l’ambientazione entro la quale si dipanano le storie narrate.
Ebbene, questa regola – che non è mai stata comunque ferrea – si trova oggi a essere infranta platealmente, perché stavolta parliamo di un saggio; parliamo di non-fiction invece che di fiction. Ma l’occasione è di quelle importanti, poiché Roberto Pinto ha da poco dedicato proprio al soggetto di questa rubrica – ritagliando tuttavia, e a ragione, un campo d’indagine più circoscritto – il suo ultimo libro, intitolato Artisti di carta. Territori di confine tra arte e letteratura. Una ricerca del genere naturalmente soddisfa una serie di obiettivi: da essa si può infatti desumere “come viene percepita l’arte contemporanea dal mondo della cultura”, e questo stesso osservatorio particolare permette di “restituire aspetti dell’arte contemporanea che gli apporti storici non sono in grado di far emergere completamente o che, per loro natura, non rappresentano obiettivi di studio prioritari”.

Roberto Pinto, Artisti di carta (Postmedia Books, 2016)
Roberto Pinto, Artisti di carta (Postmedia Books, 2016)

DELILLO E GLI ALTRI

Il campo è estremamente ampio e va quindi salutata con sollievo la scelta dell’autore, come si diceva, di restringerlo: Pinto sceglie di adottare il punto di vista dell’ékphrasis nozionale, “ovvero la condizione in cui la scrittore ‘falsifica’ la realtà creando artisti e opere che non esistono nel mondo dell’arte”. Ma questa stessa scelta escludente apre altre questioni: quella relativa alla dicotomia fra progetto e opera (cosa distingue, se non il contesto, un progetto scritto del gruppo Art & Language da uno egualmente scritto da Don DeLillo? “Alcuni dei lavori narrati, infatti, potrebbero essere concretamente realizzati a partire dalla descrizione che ne fanno i loro autori”), e di conseguenza quella che concerne la specificità dell’artista visivo.
Ed è proprio la produzione di DeLillo a costituire uno dei punti cardine dell’indagine, con quella sequenza straordinaria di personaggi-artisti che va dalla scultrice Sullivan di Americana (1971/1989) alla Brita Nilsson di Mao II (1991), dalla Klara Sax di Underworld (1997) alla Lauren Hartke di Body Art (2001). Seguono capitoli altrettanto densi dedicati alla collaborazione di Sophie Calle con Paul Auster ed Enrique Vila-Matas, alla produzione di Siri Hustvedt e a quella di Orhan Pamuk.
Tenetevi a portata di mano lo smartphone, aperto sulla app di Amazon: ne avrete bisogno spesso e volentieri.

Marco Enrico Giacomelli

Roberto Pinto ‒ Artisti di carta. Territori di confine tra arte e letteratura
Postmedia Books, Milano 2016
Pagg. 216, € 19
ISBN 9788874901722
www.postmediabooks.it

Articolo pubblicato su Artribune Magazine #38

Abbonati ad Artribune Magazine
Acquista la tua inserzione sul prossimo Artribune

Dati correlati
CuratoreRoberto Pinto
CONDIVIDI
Giornalista e dottore di ricerca in Estetica, ha studiato filosofia alle Università di Torino, Paris8 e Bologna. Ha collaborato all’"Abécédaire de Michel Foucault" (Mons-Paris 2004) e all’"Abécédaire de Jacques Derrida" (Mons-Paris 2007). Tra le sue pubblicazioni: "Ascendances et filiations foucaldiennes en Italie: l’operaïsme en perspective" (Paris 2004; trad. sp., Buenos Aires 2006; trad. it., Roma 2010), "Another Italian Anomaly? On Embedded Critics" (Trieste 2005), "La Nuovelle École Romaine" (Paris 2006), "Un filosofo tra patafisica e surrealismo. René Daumal dal Grand Jeu all'induismo" (Roma 2011), "Di tutto un pop. Un percorso fra arte e scrittura nell'opera di Mike Kelley" (Milano 2014), "Un regard sur l’art contemporain italien du XXIe siècle" (Paris 2016, con Arianna Testino). In qualità di traduttore, ha pubblicato testi di Deleuze, Revel, Augé e Bourriaud. Nel 2014 ha curato la mostra (al Museo della Scienza e della Tecnologia di Milano) e il libro (edito da Marsilio) "Achille Compagnoni. Oltre il K2". Ha tenuto seminari e lezioni in numerose istituzioni e università, fra le quali la Cattolica, lo IULM, l'Università Milano-Bicocca e l'Accademia di Brera di Milano, l’Alma Mater di Bologna, la LUISS di Roma, lo IUAV di Venezia, l'Accademia Albertina di Torino. Redige (insieme a Massimiliano Tonelli) la sezione dedicata all'arte contemporanea del rapporto annuale "Io sono cultura" prodotto dalla Fondazione Symbola. Insegna alla NABA di Milano. È vicedirettore editoriale di Artribune e direttore responsabile di Artribune Magazine.