Google goes to museum

L’anno scorso il Guggenheim di New York ha utilizzato YouTube per bandi, concorsi, premiazioni online e offline, proiezioni sulla facciata e manifestazioni di ogni tipo. Un bagno mediatico digitale teso a cavalcare le possibilità espressive della produzione audiovisiva della Rete e l’enorme possibilità di diffusione dei social network.

Musée d'Orsay - Google Art Project

Quest’anno è Google a emergere a Roma (e ai Musei Capitolini) con un’operazione di taglio diverso. 151 partner s’incrociano in musei di culture e nazioni diversissime, dalla Nuova Zelanda alla Grecia, dall’arte classica a quella contemporanea. L’idea di arte che viviamo si vuole dedita al “relazionare” società diverse: in quest’ottica, l’iniziativa ha un carattere centrale, e risponde a criteri e problematiche aggiornate di gestione museale.
Art Project è una Google App Engine basata su Java ed è realizzata su infrastruttura Google. Redistribuzione di immagini e contenuti, navigazione nei musei, visione ravvicinata e ingrandimento, gestione delle immagini che mixa il poster, il bookshop, il documentario e altro ancora. Iniziativa interessante, ma che va confrontata con i precedenti in questa direzione. Ad esempio, negli Anni Novanta le ricostruzioni 3D di monumenti, città e altre nascenti sperimentazioni comunicative furono inseriti in una serie di interessanti iniziative sotto il cartello di Mediartech a Firenze. Fra i tanti progetti, notevole un tentativo di visita virtuale interattiva agli Uffizi. Buona la possibilità di movimento, buona la qualità della riproduzione fotografica di quadri e spazi, sensazione allora innovativa e inquietante di una “presenza virtuale” nel luogo.

Johannes Vermeer – Google Art Project

Era il 1999. Siamo avanzati “di molto”? In parte sì, dato l’enorme sviluppo dei software e della diffusione informatica. Ma ciò che avviene è soprattutto la razionalizzazione di migliaia d’idee nate in piccole realtà sperimentali dagli Anni Ottanta a oggi. La realtà del rapporto museo/pubblico è cambiata, ma in modi diversi e contraddittori. La crescita d’informazioni, attrazioni, didattiche, relazioni culturali è stata in fondo incredibilmente lenta. È stata la tradizione secolare del museo a rallentare il suo sviluppo telematico? O il peso immobilizzante del copyright su immagini di leggendario carisma?  Si attende ancora un collegamento fra le grandi ristrutturazioni che si muovono su piani ufficiali e la moltitudine di idee degli “artigiani digitali” che potrebbero portare realtà nuove nella fruizione estetica.

Lorenzo Taiuti
docente di arte e media – università la sapienza di roma

Articolo pubblicato su Artribune Magazine #7

CONDIVIDI
Lorenzo Taiuti
Lorenzo Taiuti ha insegnato corsi su Mass media e Arte e Media presso Academie e Università (Accademia di Belle Arti di Torino e Milano, e Facoltà di Architettura Roma). E’ esperto delle problematiche estetiche dei nuovi media. È autore di video, installazioni e website, collabora con musicisti sperimentali in produzioni audiovisive. Ha collaborato sui temi di arte e media con vari periodici, tra cui "Giornale dell’Arte", "Virus", "Alias"", "Terzocchio", "Linea d'Ombra", "Repubblica", “Juliet”, “Exibart”, “Artribune”, “Arte e Critica”, “Digimag”, “Noema”, “D’Ars”. Ha pubblicato i seguenti testi sulle tematiche dell’arte e i nuovi media: Arte e media. Avanguardia e comunicazione di massa (Costa & Nolan 1996), Corpi Sognanti. L’Arte nell’epoca delle tecnologie digitali (Feltrinelli 2001), Multimedia. L’Incrocio dei linguaggi comunicativi (Meltemi 2005), I linguaggi digitali (per la serie XXI secolo - Enciclopedia Treccani 2010).