Atelier Tommasi apre con la prima mostra di Gaetano Pesce a Pietrasanta

Nella città toscana, uno storico atelier riprende a vivere su iniziativa di Francesca Sacchi Tommasi, già artefice a Firenze dell’apertura di Etra-Studio Tommasi. Fino al 31 agosto, alle candide statue in gesso del Novecento si affiancheranno le cromie accese dell’architetto, designer e artista Pesce.

Gaetano Pesce, opening Effe come Francesca, Atelier Tommasi. Ph. Luca Soncini - Nicola Gnesi Studio
Gaetano Pesce, opening Effe come Francesca, Atelier Tommasi. Ph. Luca Soncini - Nicola Gnesi Studio

Si chiama EFFE come Francesca, la mostra curata da Stefano Morelli con la quale, a Pietrasanta, lo studio-laboratorio appartenuto allo scultore e pittore Leone Tommasi (1903 – 1965) è tornato a nuova vita. Riconosciuto dalla Sovrintendenza come bene di interesse storico artistico e sottoposto a vincolo storico artistico da parte del Ministero per i beni e le attività culturali, l’appena inaugurato Atelier Tommasi occupa un vasto ambiente al piano terra della grande casa della famiglia Tommasi, in via Marconi 44. Il percorso intrapreso da Francesca Sacchi Tommasi nel 2014, con la trasformazione in galleria-museo dello studio fiorentino del nonno Marcello Tommasi (1928 – 2008), in via della Pergola – lo stesso spazio nel quale Benvenuto Cellini plasmò e fuse il Perseo –, giunge a una nuova tappa, questa volta con la riattivazione del luogo di lavoro appartenuto al bisnonno.

UNA FACTORY PER ARTE E DESIGN

La memoria degli artisti di famiglia e le stratificazioni del tempo, anche in questo caso, andranno ad affiancarsi a una lettura curiosa e acuta dei linguaggi artistici contemporanei, nell’ottica di “un dialogo ideale a cavallo tra i secoli con un coraggioso lavoro di recupero, ideale e architettonico, dove tutto fluisce verso il futuro.” A testimonianza di tale indirizzo si colloca la mostra inaugurale dell’Atelier, uno spazio che, come l’omologo fiorentino, sfugge alle definizioni univoche: sarà infatti “galleria d’arte, spazio espositivo, luogo d’incontro, atelier per scultori, una vera e propria factory all’interno della quale artisti, opere e linguaggi troveranno uno spazio accogliente.” Si comincia, quindi, con il dialogo tra i gessi di Tommasi e le creazioni di Gaetano Pesce, che in occasione di questa sua prima esposizione a Pietrasanta, presenta una selezione di gioielli e oggetti in resina realizzati per l’occasione, continuando a celebrare “l’intelligenza, del dinamismo la curiosità della figura femminile” come nella recente personale al Museo Novecento di Firenze. Una panoramica sull’Atelier Tommasi è disponibile in questa gallery, con foto di Luca Soncini/ Nicola Gnesi Studio.

– Valentina Silvestrini

Evento correlato
Nome eventoGaetano Pesce - Effe come Francesca
Vernissage13/07/2017 ore 19
Duratadal 13/07/2017 al 31/08/2017
AutoreGaetano Pesce
CuratoreStefano Morelli
Generiarte contemporanea, inaugurazione, personale
Spazio espositivoATELIER TOMMASI
Indirizzovia Marconi 44 - Pietrasanta - Toscana
CONDIVIDI
Valentina Silvestrini
Architetto con specializzazione in allestimento e museografia, si è formata presso l’Università La Sapienza e la Scuola Normale Superiore di Pisa, dove ha frequentato il "Corso di alta formazione e specializzazione in museografia". Ha intrapreso il proprio percorso professionale in parallelo con gli studi, occupandosi di allestimenti museali, fieristici ed eventi.​ ​È stata assistente alla progettazione di mostre presso lo studio “Il Laboratorio srl” (Roma, 2004/2007); ha svolto un internship all’ufficio Eventi Speciali di Pitti Immagine srl (Firenze, 2008). All’ICE - Istituto nazionale per il Commercio Estero (Roma, 2008/2010) ha ricoperto il ruolo di assistente alla progettazione di layout espositivi e alla direzione lavori, recandosi in centri espositivi ​in Giappone, Russia e Germania. ​Ha curato il coordinamento eventi e ​la​​​ comunicazione​ della FUA - Fondazione Umbra per l’Architettura (Perugia, 2011)​.​ ​​​​​Ha scritto e scrive per ​Abitare, ​abitare.it, ​domusweb.it, ​Living, Klat, Icon Design, Grazia Casa e Cosebelle Magazine, di cui è caporedattrice design.​ ​Dal 2012 collabora con Artribune​.​