Olafur Eliasson a Vienna? È barocco, che più barocco non si può. Ecco le immagini dell’inaugurazione nel Palazzo d’Inverno del Principe Eugenio

Print pagePDF pageEmail page

Olafur Eliasson, Baroque Baroque (inaugurazione)

Olafur Eliasson, Baroque Baroque (inaugurazione)

Semplice quanto tautologico: Baroque Baroque è il raddoppiamento di un concetto, ampio, evidentissimo. Olafur Eliasson, quarantottenne artista danese di origine islandese, si impossessa del Palazzo d’Inverno del Principe Eugenio di Savoia, a Vienna, naturalmente di epoca barocca, immettendovi una mostra fatta di luci artificiali, contrasti cromatici e soprattutto forme insolite; ma anche enormi specchi, con ciò che ne consegue. Utilizza la spazialità ispirandosi all’idea del barocco, caratterizzata da una grande apertura “verso passaggi fluidi, tra modelli di realtà e la realtà in sé”. Eliasson, in definitiva, ha fiducia nella possibilità di costruire una realtà secondo i nostri sogni.
All’inaugurazione, presenze di riguardo come Agnes Husslein-Arco, direttrice del polimorfo Belvedere, che ha piena competenza anche sul “Winterpalais” del Principe Eugenio. Presente anche Francesca d’Asburgo, creatrice e direttrice a Vienna della Fondazione TBA 21, promotrice della mostra di Eliasson. La quale, Nostra Signora dell’arte, aveva fatto sapere in giro di essere tentata di lasciare Vienna, spostando altrove – in Svizzera? – la sua creatura, probabile causa, qualche attrito con talune istituzioni.
Quasi d’obbligo, per la circostanza, una parentesi chiarificatrice in diretta: “Vorrei rimanere, se mi volete qui”. “Sì, vogliamo che rimani”. Insomma, pubbliche effusioni con parole da incorniciare tra Francesca d’Asburgo e Josef Ostermayer, ministro della cultura austriaca. E tutti vissero…

Franco Veremondi

www.belvedere.at

 

 

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community
  • Rasoio

    Tra la coreografia e le luminarie di natale il servo di scena
    Fa un buon lavoro ma l’effetto di torsione deforma le colonne
    Del gran gala solo in superficie: si potrebbe quindi parlare di
    Un barocco di scuola, di maniera.