“Conversazioni Video” a Roma. Arte e Architettura raccontate attraverso il documentario

Una sfilza di documentari dedicati al mondo dell’arte e dell’architettura, che incontrano quello del cinema. Un altro festival – dopo quelli di Firenze e Napoli – che porta al grande pubblico film dedicati ad artisti, designer e architetti contemporanei. Eccolo in sintesi, con un po’ di trailer e tutte le info...

Print pagePDF pageEmail page

Giunto alla nona edizione, Conversazioni Video è l’unico festival internazionale di documentari dedicati all’arte e all’architettura della città di Roma, che si colloca nello stesso campo d’azione di quelli di Firenze (Lo schermo dell’arte) e Napoli (Artecinema). Organizzato dall’associazione culturale Art Doc Festival e promosso dal Comitato Tecnico Scientifico della Casa dell’Architettura, il festival ha luogo per il terzo anno consecutivo nello splendido scenario dell’Acquario Romano, sede della Casa dell’Architettura di Roma, fino al prossimo 23 ottobre.
Inserito tra gli eventi collaterali del Festival Internazionale del Cinema di Roma, Conversazioni Video vuole far conoscere al pubblico le potenzialità dei documentari, mezzi di comunicazione in grado di raccontare non solo la realtà che ci circonda, ma anche gli infiniti modi di concepire e realizzare l’arte e l’architettura.

Acquario Romano

Acquario Romano

In programma documentari su architetti e designer come Eileen Gray, Franco Palpacelli, Tobia Scarpa e Le Corbusier, al quale sarà dedicata una serata d’eccezione in occasione del cinquantesimo anniversario della sua morte; e anche artisti tra cui Massimo Catalani, Giorgio De Chirico, JanFabre, Alberto Garrutti, Claes Oldenburg e Alberto Burri, in onore del suo centenario.
All’interno della categoria speciale chiamata “Usi e Riusi” sono presentati quattro progetti, fuori concorso, che mostrano i riutilizzi creativi di materiale di scarto in ambito artistico e architettonico, e nuovissimi modi di fruizione degli spazi architettonici.
Al termine del festival, curato da Antonella Greco (presidente dell’Art Doc Festival), Benedetta Nervi e Lia Polizzotti, la giuria – composta da Greco, dal presidente del Cts Casa dell’Architettura Alfonso Gianicotti, dal fotografo Andrea Jemolo, dal direttore del Polo museale regionale della Calabria Angela Tecce, dal regista Nino Bizzarri e dalla giornalista Isabella Di Chio – assegnerà un premio al miglior documentario di ogni categoria.

JanFabre. Beyond the artist
Regia di Giulio Boato, Produzione: Gildas le Roux
Francia/Belgio/Italia 2014, 52’

Artista visivo, regista, coreografo, scenografo, performer, JanFabre per la prima volta viene raccontato come artista a 360°. Il documentario, attraverso interviste intrecciate alle immagini di spettacoli, esposizioni, disegni, modelli e sculture, mette in risalto le innumerevoli capacità dell’artista, realizzando così un ritratto completo di uno degli artisti più discussi degli ultimi decenni.

La Maddalena/ La Maddalena chair
Regia di Ila Bêka, Louise Lemoine, Produzione: Bêka&Partners
Francia 2014, 37’

Composto da due video distinti ma complementari, commissionati da Rem Koolhaas per la XIV Biennale di Architettura di Venezia (2014), il documentario narra del disastro politico, architettonico e ambientale de La Maddalena, dove si sarebbe dovuto svolgere il G8 nel 2009.
Il primo video, attraverso le parole dello stesso architetto Stefano Boeri, racconta la questione del fallimento del progetto dell’ex arsenale, in parte realizzato, ma attualmente in fase di degrado e inaccessibile. Il secondo narra la vita di un moderno Robinson Crusoe, Mauro Morandi, che da più di venticinque anni vivecome solitario guardiano dell’Isola di Budelli.

Chi è Alberto Garutti e perché parla di noi
Regia di Giampaolo Penco, Produzione: VideoestSrl
Italia, 2014, 60’

Il film, seguendo un concetto fondamentale per l’artista – ossia l’irripetibilità dell’esperienza – racconta la preparazione di una mostra a lui dedicata e di un’installazione permanente a Milano, il lavoro nel suo studio e le interviste ai protagonisti delle sue azioni.
Attraverso una serie di storie individuali, l’artista Alberto Garutti vuole esaltare la dimensione narrativa dell’arte pubblica.

Tobia Scarpa. L’anima segreta delle cose
Regia di Elia Romanelli, Produzione: Elisa Pajer-Studio Liz
Italia, 2014, 30’

Tobia Scarpa, figlio del celebre Carlo, è un architetto e designer noto a livello internazionale.
Il documentario racconta i progetti e la filosofia del “fare” di Scarpa, che preferisce essere considerato un designer “poeta” innamorato della vita e delle sue molteplici forme.
Attraverso un processo inosservabile Scarpa coglie, in ogni suo oggetto, un vissuto umano donandogli così un’anima.

Graymatters
Regia di Marco Antonio Orsini, Produzione: Mojo Entertainment LLC
Francia/Irlanda, 2015, 72’

Realizzato in occasione della grande retrospettiva allestita al Centre Pompidou di Parigi nel 2013, il film narra la vita e le opere di Eileen Gray, designer di mobili e architetto irlandese.
Il documentario, attraverso interviste ad esperti d’arte, si presenta come un’indagine storica e cinematografica della carriera della Gray, partendo dall’estetica e dal design dei suoi progetti fino ad arrivare al capolavoro: la Villa E1027 in Costa Azzurra, realizzata con Jean Badovici e Le Corbusier.

Irpinia che guarda il mare
Regia di Nicolangelo Gelormini, Produzione: Vertigo Film
Italia, 2014, 40’

Il documentario mostra la condizione attuale dell’Irpinia e di una provincia del Sud Italia. Un territorio che, grazie all’arte,vista come motore trainante dell’integrazione territoriale, mira alla modernità mantenendo sempre un contatto con le proprie tradizioni.Tra gli artisti e le personalità coinvolte nel progetto: Luigi Mainolfi, Perino e Vele, Umberto Manzo, Eugenio Gilberti, Lucio e Peppe Perone, AndresNeumann, Francesco Saponaro e Piero Mastroberardino.

Chiara Piperni

Conversazioni Video. Festival Internazionale di Documentari su Arte e Architetturaopening:
Roma, Casa dell’architettura (Piazza M. Fanti, 47)
20, 21, 22 ,23  ottobre – ore 18
Casa dell’architettura – Piazza M. Fanti 47, Roma

INGRESSO GRATUITO
http://www.artdocfestival.it

 

 

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community