Editoria d’arte. Rinasce la storica rivista FMR. Siglato oggi l’accordo tra Franco Maria Ricci e il gruppo FMR-Utet

Print pagePDF pageEmail page

I primi 27 numeri della rivista FMR

I primi 27 numeri della rivista FMR

Porta la data di oggi 21 maggio 2015 la nuova puntata della saga che vede protagonisti due marchi storici dell’editoria italiana, entrambi segnati a fondo dalla crisi che ha investito la filiera tradizionale in questo secolo. Da un lato c’è FMR, acquisita da Marilena Ferrari – fondatrice del gruppo Art’è e scomparsa alla fine del 2012 –  nel 2002, dall’altra la torinese Utet – marchio legato, nell’immaginario comune, soprattutto alla Enciclopedia che ha sempre rivaleggiato con Treccani –, anch’essa attenzionata dalla stessa Ferrari nel 2012. Nel 2014 i due marchi confluiscono comunque nel progetto Cose Belle d’Italia, realtà che aggrega – fra l’altro – anche il design di Alberto Del Biondi e la nautica con Vismara Marine.
Oggi dunque una nuova tappa, che ha visto siglare un accordo tra Fabio Lazzari, presidente del gruppo editoriale FMR-UTET Grandi Opere, e Franco Maria Ricci, fondatore di FMR. Obiettivo: rilanciare la rivista FMR dopo le alterne vicende che l’hanno vista coinvolta (qualcuno ricorderà il pregevole tentativo, purtroppo di breve durata, che vide protagonista la “serie bianca” della stessa rivista, con un occhio di riguardo rivolto alla contemporaneità). Appuntamento a gennaio 2016 per il primo numero.

www.cosebelleditalia.com

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community