Torino Updates: tour ad Artissima fra opere che dicono la loro. Con la scrittura

Scrittura in forma di neon, di parole dipinte e incise, di fogli che escono da vecchie stampanti. Una visita alla fiera alla ricerca del rapporto fra testo e immagine

Ed Young, Thanks for coming, 2016 - courtesy Mendes Wood DM, San Paolo del Brasile
Ed Young, Thanks for coming, 2016 - courtesy Mendes Wood DM, San Paolo del Brasile

Il rapporto fra testo e immagine è una questione che non ha mai smesso di affascinare gli artisti visivi. Il culmine è stato negli Anni Sessanta e Settanta, soprattutto in ambito concettuale, ma anche nel 2016 si continua a riflettere su questo tema. E così, passeggiando fra i corridoi di Artissima, si incrociano tantissime opere che utilizzano la scrittura: in forma di neon, di parole dipinte e incise, di fogli che escono da vecchie stampanti… Qui trovate una carrellata, sicuramente non esaustiva. Segnalateci quelle che ci sono sfuggite e seguite su Instagram e Facebook il progetto Ekphrasis21: una decina di giovani critici coordinati da Gianluigi Ricuperati stanno infatti facendo un esperimento di ecfrasi (di descrizione delle opere d’arte) in versione XXI secolo…

– Marco Enrico Giacomelli

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giornalista e dottore di ricerca in Estetica, ha studiato filosofia alle Università di Torino, Paris8 e Bologna. Ha collaborato all’"Abécédaire de Michel Foucault" (Mons-Paris 2004) e all’"Abécédaire de Jacques Derrida" (Mons-Paris 2007). Tra le sue pubblicazioni: "Ascendances et filiations foucaldiennes en Italie: l’operaïsme en perspective" (Paris 2004; trad. sp., Buenos Aires 2006; trad. it., Roma 2010), "Another Italian Anomaly? On Embedded Critics" (Trieste 2005), "La Nuovelle École Romaine" (Paris 2006), "Un filosofo tra patafisica e surrealismo. René Daumal dal Grand Jeu all'induismo" (Roma 2011), "Di tutto un pop. Un percorso fra arte e scrittura nell'opera di Mike Kelley" (Milano 2014), "Un regard sur l’art contemporain italien du XXIe siècle" (Paris 2016, con Arianna Testino). In qualità di traduttore, ha pubblicato testi di Augé, Bourriaud, Deleuze, Groys e Revel. Nel 2014 ha curato la mostra (al Museo della Scienza e della Tecnologia di Milano) e il libro (edito da Marsilio) "Achille Compagnoni. Oltre il K2". Nel 2018 ha curato la X edizione della Via del Sale in dieci paesi dell'Alta Langa e della Val Bormida. Ha tenuto seminari e lezioni in numerose istituzioni e università, fra le quali la Cattolica, lo IULM, l'Università Milano-Bicocca e l'Accademia di Brera di Milano, la Libera Università di Bolzano, l’Alma Mater di Bologna, la LUISS di Roma, lo IUAV e Ca' Foscari di Venezia, l'Accademia Albertina di Torino. Redige (insieme a Massimiliano Tonelli) la sezione dedicata all'arte contemporanea del rapporto annuale "Io sono cultura" prodotto dalla Fondazione Symbola. Insegna Critical Writing alla NABA di Milano. È vicedirettore editoriale di Artribune e direttore responsabile di Artribune Magazine.