Bottega Veneta all’UCCA di Pechino. Da Annie Leibovitz a Nan Goldin, tappa cinese per la mostra delle campagne pubblicitarie artsy

Anima del progetto Tomas Maier, dal 2001 direttore creativo del brand italiano del gruppo Kering. Che festeggia il 50esimo anniversario dalla fondazione

Nan Goldin per Bottega Veneta
Nan Goldin per Bottega Veneta

Da quando è diventato direttore creativo, nel 2001, ha scelto di “creare campagne pubblicitarie in modo diverso, lavorando con fotografi d’arte, invece che con fotografi di moda”. Ha chiamato artisti come Annie Leibovitz, Ryan McGinley, Nan Goldin, Jürgen Teller, Robert Longo, per creare immagini capaci di comunicare in maniera diversa le collezioni della maison. Di chi stiamo parlando? Di Tomas Maier e di Bottega Veneta, brand tricolore da tempo approdato nel gruppo Kering (di François Pinault), di cui è da 15 anni direttore creativo.
L’opzione di cercare fra i grandi nomi delle arti visive i migliori interpreti dell’estetica modernista della griffe ha portato lo scorso anno alla pubblicazione di un pesante tomo che raccoglie oltre 1.000 foto, frutto delle campagne pubblicitarie di questi anni. E poi alla mostra itinerante Art of Collaboration, che ora fa tappa in Cina all’Ullens Center for Contemporary Art (Ucca), il celebre centro d’arte creato dai collezionisti belgi Ullens nell’art district 798 di Pechino, celebrando anche il 50esimo anniversario dalla fondazione di Bottega Veneta. La mostra resta visibile – accanto ad altre portentose esposizioni, fra cui la prima assoluta di Robert Rauschenberg in Cina – fino al 28 giugno: noi ne vediamo alcune immagini nella fotogallery…

Massimo Mattioli

http://www.ucca.org.cn/

 

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Dal 2011 al 2017 ha fatto parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.