New York Updates: l’Anthology Film Archives si lancia in una nuova avventura. Un’asta per riqualificare l’edificio

Tra le mille istituzioni, musei, fiere e fondazioni che affollano la città, a New York il rischio è sempre quello di dimenticarsi delle realtà più storiche, più piccole, più in difficoltà ma tuttavia con dei contenuti incredibilmente interessanti e unici. Un caso è quello ad esempio degli Anthology Film Archives, realtà nata nel 1970 in […]

anthology film archives new york
La futura espansione degli Anthology Film Archives di New York

Tra le mille istituzioni, musei, fiere e fondazioni che affollano la città, a New York il rischio è sempre quello di dimenticarsi delle realtà più storiche, più piccole, più in difficoltà ma tuttavia con dei contenuti incredibilmente interessanti e unici. Un caso è quello ad esempio degli Anthology Film Archives, realtà nata nel 1970 in un palazzo che era una prigione, nell’East Village all’incrocio tra la Seconda Strada e la Seconda Avenue.
Film di ricerca, opere di video arte, cinema sperimentale. Tutto qui è esposto (con un programma di screening) e soprattutto preservato, studiato e archiviato. Da oltre 45 anni la visione dei fondatori Jonas Mekas, Jerome Hill, P. Adams Sitney, Peter Kubelka e Stan Brakhage è portata avanti da Sebastian Mekas e da suo padre stesso Jonas, che ha 94 anni ma se ne sente 27. Il risultato è un archivio incredibile – e per questo difficile da gestire – e un calendario quotidiano di proiezioni, retrospettive, cicli, incontri.
Ma ora Mekas vuole fare di più e ha messo in campo – e approfittato di questi giorni di Frieze in cui la città si è riempita di persone da tutto il mondo – un progetto per far evolvere l’istituzione e farla tornare un punto di attrazione del quartiere e di tutta New York. Per questo Jonas Mekas è partito con un piano di fundraising da 6 milioni con l’obbiettivo di riqualificare l’area degli archivi, far nascere una biblioteca (la più grande sul tema del cinema indipendente in America e non solo), aprire un caffè e una terrazza sul tetto dell’edificio, fare l’ascensore e una galleria espositiva. Il nuovo development è ben spiegato in un sito e a breve un’asta cercherà di mettere insieme i 6 milioni necessari ai lavori. Senza i quali la sopravvivenza di questa istituzione può complicarsi per il futuro dal punto di vista della sostenibilità finanziaria.

http://anthologylibraryproject.com
http://anthologyfilmarchives.org

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.