Idea Finesettimana. Weekend d’arte a mezzogiorno: Nicola Carrino al Camusac di Cassino, e poi Igor Mitoraj negli scavi di Pompei

Se il meteo nelle scorse settimane sembrava sancire un ingresso molto anticipato nell’estate, ora pare tornata la variabilità più tipica della primavera: perché allora non mettere in programma un weekend verso sud, alla ricerca di un po’ di sole? Gli art-trotters che decidessero di seguire questo consiglio, potrebbero iniziare con una sosta a Cassino: dove […]

Igor Mitoraj a Pompei

Se il meteo nelle scorse settimane sembrava sancire un ingresso molto anticipato nell’estate, ora pare tornata la variabilità più tipica della primavera: perché allora non mettere in programma un weekend verso sud, alla ricerca di un po’ di sole? Gli art-trotters che decidessero di seguire questo consiglio, potrebbero iniziare con una sosta a Cassino: dove il Camusac, il museo nato dalla raccolta del collezionista Sergio Longo, inaugura – sabato 14 maggio, alle 18 – un evento espositivo di carattere antologico di Nicola Carrino. Un artista “che assomma nel proprio magistero esperienze di carattere pittorico e plastico, architettonico, matematico e filosofico, tra i migliori interpreti a livello nazionale e internazionale di possibili azioni trasformative che annettono alla prassi artistica anche l’interazione del fruitore e dunque una consapevole partecipazione del pubblico ai possibili mutamenti degli ambienti di vita”. Nella mostra, curata da Bruno Corà, Carrino propone unitariamente una vasta gamma dei suoi cicli plastici “Costruttivi”, “Decostruttivi”e “Ricostruttivi”, “consentendo ad ognuno di comprendere i processi formativi della creazione ambientale e della sua qualificazione civile”.

30 SCULTURE IN DIVERSI SETTORI DELL’AREA ARCHEOLOGICA
Proseguendo verso mezzogiorno, l’appuntamento obbligato è a Pompei: non che ci sia bisogno di un motivo, per consigliarla, ma in questi giorni inaugura negli scavi una mostra postuma dell’artista polacco – ma italiano d’adozione – Igor Mitoraj, con 30 monumentali sculture collocate in diversi settori dell’area archeologica dal Tempio di Venere alla Basilica e al Foro, da Via dell’Abbondanza alle Terme Stabiane, dal Foro Triangolare fino al Quadriportico dei Teatri. Abbiamo detto “in questi giorni” non per restare vaghi: l’inaugurazione su invito è fissata per sabato 14 maggio, alle 18, ma visto che per l’occasione arriveranno addirittura il presidente Mattarella e il ministro Franceschini, è prevedibile un po’ di confusione, per cui forse potrebbe essere il caso di rimandare la visita a domenica 15. Chi decidesse di anticipare il weekend al venerdì 13, potrebbe passare a Napoli alla Galleria Raucci/Santamaria, dove – alle 18,30 – si inaugura la mostra personale di Karl Haendel (nato a New York nel 1976 vive e lavora a Los Angeles, USA), che presenta una nuova serie di disegni di varie dimensioni in una installazione creata appositamente per gli spazi della galleria napoletana.

Inaugurazione: sabato 14 maggio 2016 – ore 18
Dal 14 maggio al 30 settembre 2016
Nicola Carrino – Costruttivi. Decostruttivi. Ricostruttivi. 1959.2013
CAMUSAC
​Via Casilina Nord 1 – Cassino
www.camusac.com
– –
Inaugurazione: sabato 14 maggio 2016 – ore 18
Dal 14 maggio all’8 gennaio 2017
Igor Mitoraj a Pompei ​
​Scavi di Pompei – Pompei
​http://www.pompeiisites.org/
– –
Inaugurazione: venerdì 13 maggio 2016 – ore ore 18,30
Dal 13 maggio al 30 giugno 2016
Karl Haendel – 1/2 Einstein’s Brain 1/2 Moon Rock
Galleria Raucci/Santamaria
www.raucciesantamaria.com

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Dal 2011 al 2017 ha fatto parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.