Corpi nudi in una (ex) chiesa. Da New York immagini in esclusiva dell’ultimo spettacolare photoshooting di Angelo Musco nella Judson Memorial Church

Ve ne avevamo parlato un paio di anni fa, ed eravamo in Argentina, al Palacio Duhau Park Hyatt di Buenos Aires. Lui in mezzo ci ha lavorato a Londra, poi a Berlino, poi a Napoli, e ora a New York, la sua città di adozione: tre anni di lavorazione, che ora giunge all’ultima tappa. Tutto […]

Angelo Musco, photoshooting nella Judson Memorial Church, New York

Ve ne avevamo parlato un paio di anni fa, ed eravamo in Argentina, al Palacio Duhau Park Hyatt di Buenos Aires. Lui in mezzo ci ha lavorato a Londra, poi a Berlino, poi a Napoli, e ora a New York, la sua città di adozione: tre anni di lavorazione, che ora giunge all’ultima tappa. Tutto serve a dare un’idea della dimensione globale che ha ormai assunto il lavoro di Angelo Musco, artista italiano anche se formatosi e ormai stabilmente residente negli USA. E soprattutto il suo ampio progetto fotografico con cui l’artista, che lavora sull’espressività formale dei corpi umani nudi, sempre “connessi” in concatenazioni o assemblaggi, intende ricostruire una propria Babele, con soggetti provenienti da diversi paesi con diverse culture e lingue. E in location sempre diverse: come la Judson Memorial Church, chiesa sconsacrata newyorchese che ha ospitato l’ultima sessione. 60 modelli 4 fotografi, 6 assistenti, 4 differenti postazioni fotografiche, con il nudo assunto a forma che entra nella sfera spirituale: noi vi facciamo vedere le esclusive immagini…

Massimo Mattioli

 

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Dal 2011 al 2017 ha fatto parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.
  • angelov

    Con tutti i disoccupati, i mentecatti, i precari e i diseredati ormai finiti in mutande, in giro in cerca di un tozzo di pane, ecco finalmente l’opportunità di guadagnare qualche dollaro, ed ecco che il gioco è fatto…su-cesso internazionale.